Quando la guerra diventa gioco: le Olimpiadi Militari russe

Chi ha inventato il detto “la guerra non è un gioco” certamente non prevedeva che sarebbe finita così. Le Olimpiadi Militari, giunte quest’anno alla loro terza edizione, sembrano dimostrare tutt’altro; la presenza di prove quali il “Tank Biathlon” e il “Miglior tiro di artiglieria” lascia già intendere uno spettacolo ai limiti del surreale, che anche Bonvi con le sue “Sturmtruppen” avrebbe avuto difficoltà a replicare. Continue reading “Quando la guerra diventa gioco: le Olimpiadi Militari russe”

La flotta americana si rinnova; consegnata la super-portaerei USS Ford

«L’acciaio e le mani americane hanno costruito questo messaggio da 100.000 tonnellate rivolto al mondo». Sono queste le ferme parole del presidente statunitense Donald J. Trump, durante la cerimonia per la consegna della portaerei USS Gerald R. Ford alla Marina militare degli Stati Uniti tenutasi il 22 luglio.  Continue reading “La flotta americana si rinnova; consegnata la super-portaerei USS Ford”

“I Want You for U.S. Army”, lo Zio Sam compie 101 anni

The Uncle Sam, raffigurato nel celebre poster di reclutamento dell’esercito statunitense, spegne oggi 101 candeline. Il suo ritratto è diventato il poster più famoso al mondo con oltre 4 milioni di copie stampate tra il 1917 e il 1918, dopo che gli Stati Uniti entrarono ufficialmente nel primo conflitto mondiale. Continue reading ““I Want You for U.S. Army”, lo Zio Sam compie 101 anni”

La riforma dell’esercito svedese, intervista al ministro Peter Hultqvist

Manca davvero poco alla chiamata dei 100 mila coscritti che comporranno il “nuovo” esercito svedese. Le nuove leve – in maggioranza del ’99 – cominceranno l’addestramento di base agli inizi del prossimo anno e presteranno servizio per un periodo di 11 mesi.

Continue reading “La riforma dell’esercito svedese, intervista al ministro Peter Hultqvist”

La difesa europea

Di fatto viene lanciata la cooperazione strutturata permanente in campo militare grazie alla quale i partner Ue, o alcuni di loro, possono unire le forze in caso di necessità. Saranno presenti anche i famosi Battle Groups che furono istituiti ma, mai effettivamente utilizzati. Continue reading “La difesa europea”

La Guerra dei Sei giorni: una storia breve ma perpetua

La “Guerra dei Sei giorni” fu un conflitto che vide come protagonisti Israele da una parte, e Siria, Egitto e Giordania dall’altra. Chiamato così per la sua durata, iniziò il 5 Giugno del 1967, e contribuì con i suoi risvolti a definire, sotto molti aspetti, il Medioriente che oggi conosciamo. Geograficamente, questa zona di mondo non è estranea da conflitti, almeno nell’età contemporanea: la nascita stessa di Israele, nel Maggio del 1948, è stata osteggiata dai Paesi del Vicino Oriente, la zona perlopiù arabofona che va dal Mediterraneo fino all’Iran e all’Arabia Saudita. Continue reading “La Guerra dei Sei giorni: una storia breve ma perpetua”

Mine antiuomo: focus sulle bombe giocattolo

Le mine antiuomo generalmente vengono sparse sul territorio e una volta calpestate si attiva il detonatore ovvero un piccolo oggetto costituito da esplosivo primario di alta qualità che ne attiva uno secondario, ma non finisce qui. Gli elicotteri russi lanciano, a migliaia e a bassa quota sui villaggi afghani, modelli PFM-1 noti come pappagalli verdi. A causa della loro forma attrattiva questi vengono raccolti da bambini, ignari della loro sorte. L’Isis ha inserito in vari giocattoli e peluche, sparsi per Mosul, quantità di esplosivo sufficiente a uccidere i bambini in quanto potrebbero diventare futuri soldati e pertanto rappresentare una minaccia. Continue reading “Mine antiuomo: focus sulle bombe giocattolo”