I limiti economici dell’Unione Europea: cosa rende l’Unione così fragile?

Cosa serve per darle più solidità?

Molte sono le criticità che nel corso del tempo, dalla sua nascita fino ad ora, hanno attraversato l’Unione Europea. Essa è stata vista come un’ancora di salvezza nel periodo delle forti crisi finanziarie che hanno attraversato i primi anni 90 del novecento, ma anche come causa di quelle crisi che recentemente hanno colpito proprio la zona euro. Continua a leggere “I limiti economici dell’Unione Europea: cosa rende l’Unione così fragile?”

I limiti economici dell’Unione Europea: cosa rende l’Unione così fragile?

Schengen non è soltanto un trattato sulla libera circolazione delle persone

Quello che molti sembrano indicare come uno dei mali dell’Unione Europea, cioè la libera circolazione dei suoi cittadini membri, è considerato essere uno dei requisiti fondamentali della sua area valutaria comune. La letteratura economica, in particolare la letteratura che si occupa delle unioni monetarie, sottolinea come la libera circolazione di capitali, persone e merci sia una condizione necessaria per il mantenimento della valuta comune. Quali sono le ragioni di questa necessità? Continua a leggere “I limiti economici dell’Unione Europea: cosa rende l’Unione così fragile?”

I limiti economici dell’Unione Europea: cosa rende l’Unione così fragile?

La politica monetaria

Quella del settore finanziario è, senza ombra di dubbio, la parte più avanzata dell’integrazione europea. Nelle sue strutture possono essere trovate le caratteristiche tipiche degli stati federali o addirittura degli stati nazionali stessi. Nonostante la profonda integrazione, di solito sintomo di una maggiore armonizzazione fra gli stati membri, non mancano dei deficit strutturali. Continua a leggere “I limiti economici dell’Unione Europea: cosa rende l’Unione così fragile?”

I limiti economici dell’Unione Europea: cosa rende l’Unione così fragile?

La politica fiscale

Uno dei maggiori limiti europei è sempre stato rappresentato dall’assenza di una reale leva di politica fiscale. Questa assenza è resa ancor più evidente se la raffrontiamo alla profondità dell’integrazione raggiunta in campo monetario, dove la presenza della BCE, evidenzia una struttura quasi compiutamente federale. Quello della politica fiscale è un problema che accompagna la costruzione europea fin dall’inizio e rappresenta uno dei settori nel quale la gelosia della sovranità statale è maggiore. Continua a leggere “I limiti economici dell’Unione Europea: cosa rende l’Unione così fragile?”

I limiti economici dell’Unione Europea: cosa rende l’Unione così fragile?

La divergenza di sviluppo territoriale

Quando il progetto dell’Unione europea fu ideato, la consapevolezza del grande divario economico e sociale tra le varie zone dell’Unione era presente. Per questo motivo, lo scopo dell’Unione Europea era quello di promuovere, al proprio interno, l’armonizzazione tra queste aree attraverso una vera e propria politica di coesione economica e sociale. Il Trattato di Roma è stato il primo step che ha messo in risalto, sebbene solo per le aree rurali ed agricole, questa disparità all’interno di quella che allora si chiamava Comunità Economica Europea. Continua a leggere “I limiti economici dell’Unione Europea: cosa rende l’Unione così fragile?”

La solita vecchia Unione europea

L’Unione europea volge le spalle, ancora una volta, all’Italia sul tema dei migranti. Non una sorpresa, di certo, ma al vertice di Tallinn la delegazione italiana sperava quantomeno di registrare un’apertura di metodo nell’approccio a un problema ormai diventato endemico e ingestibile. E, invece, nulla di fatto.  Continua a leggere “La solita vecchia Unione europea”

Un’ipotesi di uscita non volontaria dalla zona euro

Nelle opinioni pubbliche europee l’argomento dominante al momento, a causa delle ravvicinate elezioni in molti paesi, è legato alla vittoria di forze “populiste” che spesso propugnano, nei propri programmi, il referendum sulla permanenza nell’eurozona o nell’Unione Europea tout court. Al riguardo, è fiorita una “letteratura” sui vantaggi e gli svantaggi della permanenza o dell’abbandono dell’eurozona. Continua a leggere “Un’ipotesi di uscita non volontaria dalla zona euro”