Ahed Tamimi ritrova la libertà

Di Sarra Jouini – Ahed Tamimi, nuova icona e simbolo della resistenza palestinese, è stata rilasciata dopo aver scontato otto mesi di prigionia nel carcere israeliano di Hasharon. Continua a leggere “Ahed Tamimi ritrova la libertà”

Annunci

A Gaza la sconfitta è di tutti, che si usino sassi o proiettili

Di Daniele Monteleone – Cosa è Gaza? È un luogo infernale. Vede la contrapposizione di due richieste sostanzialmente identiche: il diritto di esserci. Parliamo dei Palestinesi, un popolo senza diritti che dopo il Secondo conflitto mondiale è stato privato delle sue terre, anche per la propria incapacità diplomatica; e degli Israeliani, una realtà dapprima frammentata in quello che veniva definito un unico “Grande Israele” e adesso titolare di un controllo indiretto esteso anche alla Striscia di Gaza, territorio però palestinese. Continua a leggere “A Gaza la sconfitta è di tutti, che si usino sassi o proiettili”

La risoluzione Onu che riconosce la Palestina come uno stato

Di Francesco Polizzotto – Il 29 novembre 2012, con la risoluzione 67/19, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite concede lo status di osservatore permanente allo Stato di Palestina. Tale risoluzione conferisce allo Stato palestinese uno status equivalente a quello dello Stato della Città del Vaticano. Continua a leggere “La risoluzione Onu che riconosce la Palestina come uno stato”

La risoluzione ONU che vietò l’occupazione violenta territoriale

Il 22 novembre 1967, all’indomani della Guerra dei Sei Giorni, il Consiglio di sicurezza dell’ONU vota la risoluzione 242.

Emanata sulla scorta del capitolo VI della Carta delle Nazioni Unite, relativo alla risoluzione pacifica delle controversie, la risoluzione ha natura di raccomandazione ma non è vincolante. Essa ribadisce nel preambolo uno dei principi chiave del diritto internazionale moderno: l’impossibilità dell’acquisizione territoriale in conseguenza dell’uso della forza. La risoluzione stabilisce altresì due condizioni necessarie per il raggiungimento di una pace “giusta e duratura” nella regione del Medio Oriente: un ritiro militare israeliano ed il reciproco riconoscimento tra gli Stati. Continua a leggere “La risoluzione ONU che vietò l’occupazione violenta territoriale”