A Gaza la sconfitta è di tutti, che si usino sassi o proiettili

Di Daniele Monteleone – Cosa è Gaza? È un luogo infernale. Vede la contrapposizione di due richieste sostanzialmente identiche: il diritto di esserci. Parliamo dei Palestinesi, un popolo senza diritti che dopo il Secondo conflitto mondiale è stato privato delle sue terre, anche per la propria incapacità diplomatica; e degli Israeliani, una realtà dapprima frammentata in quello che veniva definito un unico “Grande Israele” e adesso titolare di un controllo indiretto esteso anche alla Striscia di Gaza, territorio però palestinese. Continua a leggere “A Gaza la sconfitta è di tutti, che si usino sassi o proiettili”

Annunci

Il sogno di Yael per un Israele di pace

Di Alessandra Fazio – «Donne unite per dar vita a un progetto di pace, che conduca alla stessa mediante la musica». È questo lo scopo di Yael Deckelbaum, israeliana, trentottenne, di origini canadesi, fondatrice del trio folk “Habanot Nechama”. Continua a leggere “Il sogno di Yael per un Israele di pace”

Obama, Trump e Netanyahu: un’evoluzione strategica per una politica comune

Di Adriana Brusca – Al termine del primo anno di mandato del Presidente Donald J. Trump, la linea politica degli Stati Uniti ha subito un notevole mutamento, presentendo molteplici elementi di discontinuità rispetto alla precedente amministrazione Obama. Continua a leggere “Obama, Trump e Netanyahu: un’evoluzione strategica per una politica comune”

Israele, una Nazione contesa tra le grandi potenze: le origini del legame con gli Usa

Di Adriana Brusca L’origine del legame tra Stati Uniti e Israele affonda le proprie radici in una trama complessa, all’interno della quale fattori storici, politici e culturali – inscindibili tra loro – hanno contribuito all’instaurazione di una solida alleanza tra Washington e Tel Aviv, rinvigorita dall’ascesa alla Presidenza di Donald J. Trump. Continua a leggere “Israele, una Nazione contesa tra le grandi potenze: le origini del legame con gli Usa”

Una storia lunga: Stati Uniti e Israele escono dall’Unesco tra minacce e delusioni

L’UNESCO è l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura. Viene fondata durante la Conferenza dei Ministri dell’Educazione dei Paesi alleati contro il nazismo. L’Atto Costitutivo dell’Unesco entra in vigore nel 1946 per 20 Stati (l’Italia ne farà parte nel 1949). Il Preambolo recita: “Building peace in the minds of man and women”, cioè “costruire la pace nelle menti degli uomini e delle donne”. Lo scopo di questa agenzia Onu è infatti quello di promuovere e mantenere la pace, il rispetto dei diritti umani e l’uguaglianza dei popoli attraverso programmi di educazione, scienza e cultura. Una delle sue principali missioni è quella di stilare una lista dei patrimoni dell’umanità, e proprio questo è stato uno dei punti che si sono accumulati alle motivazioni della fuoriuscita degli Usa. Infatti qualche mese fa il sito di Hebron e la Chiesa della Natività di Betlemme sono stati inclusi come patrimoni dell’umanità considerandoli territori della Palestina, una posizione inaccettabile per Israele e Usa. Continua a leggere “Una storia lunga: Stati Uniti e Israele escono dall’Unesco tra minacce e delusioni”