Ricominciamo: il “capodanno dei lunedì”

Di Dania Butticé – Per ogni fine c’è un nuovo inizio. Oggi, 7 Gennaio 2019, è l’inizio della fine, il capodanno dei lunedìCom’è che si dice? “L’Epifania tutte le feste si porta via”, mai nulla di più vero. Continua a leggere “Ricominciamo: il “capodanno dei lunedì””

Annunci

Tutto quello che avreste voluto sapere sui gilet gialli (ma non avete mai osato chiedere)

Di Francesco Puleo – Sono passati quasi due mesi dalla prima manifestazione nazionale dei gilet gialli in Francia. Il 17 novembre, il mondo intero ha assistito alla protesta di decine di migliaia di manifestanti in tutto il paese, in seguito a una mobilitazione nata sul web a partire da una semplice petizione che chiedeva la riduzione del prezzo della benzina e che si è rapidamente trasformata in un’insurrezione popolare che nessun partito o sindacato è riuscita a egemonizzare. Continua a leggere “Tutto quello che avreste voluto sapere sui gilet gialli (ma non avete mai osato chiedere)”

Altri migranti in bilico: 49 persone attendono il loro destino

Di Redazione – È durata 12 giorni la permanenza in alto mare della Sea Watch 3, l’imbarcazione con a bordo 32 migranti salvati il 22 dicembre. È stata Malta ad autorizzare la nave della ONG ad attraccare presso le proprie coste – ma non a sbarcare i migranti sulla nave – dopo averla accolta nelle proprie acque territoriali per ripararsi da una tempesta imminente. In tutti questi giorni di festa e indifferenza nessun paese aveva accettato di accoglierla. Continua a leggere “Altri migranti in bilico: 49 persone attendono il loro destino”

«L’Italia che ricuce», il discorso del Capo dello Stato Mattarella

«Care concittadine e cari concittadini, siamo nel tempo dei social, in cui molti vivono connessi in rete e comunicano di continuo ciò che pensano e anche quel che fanno nella vita quotidiana. Continua a leggere “«L’Italia che ricuce», il discorso del Capo dello Stato Mattarella”

Che fai a Capodanno?

Di Silvia Scalisi – Ebbene sì, anche se non vogliamo ammetterlo, anche se c’è un’omertà di fondo che ci fa stare in silenzio di fronte all’evidenza, anche se tutti quanti noi da poco meno di un mese ci guardiamo negli occhi come anime in pena con lo sguardo che dice: «io so che tu sai che io so», anche se tutti vogliamo fingere che il problema non esista, la verità è un’altra. È dura, e fa male. Ma la si deve accettare con coraggio. Continua a leggere “Che fai a Capodanno?”

A cosa ci è servito l’ultimo Consiglio europeo del 2018? – Seconda parte

Di Adriana Brusca – In merito al settore delle relazioni esterne e alla politica estera di sicurezza e difesa, un’attenzione peculiare è stata riservata allo stretto di Kerch e al Mar d’Azov, ove di recente si sono inasprite le tensioni internazionali: il Consiglio europeo ha ribadito il suo impegno per il rispetto del diritto internazionale, nonché per la garanzia della sovranità, dell’indipendenza e dell’integrità territoriale dell’Ucraina. L’Istituzione UE ha richiesto il rilascio immediato di tutti i marinai ucraini in stato di detenzione, la restituzione delle imbarcazioni sequestrate e il libero passaggio di tutte le navi per lo stretto di Kerch; nessuna giustificazione è stata concessa alla Russia per l’utilizzo della forza militare, così come per l’annessione illegittima della Crimea. Continua a leggere “A cosa ci è servito l’ultimo Consiglio europeo del 2018? – Seconda parte”