Oscar dei videogame, il trionfo è di “Elden Ring” e “Stray”

Tra il 22 novembre e l’8 dicembre si sono celebrati i cosiddetti “Oscar dei videogame”. I Golden Joystick Awards prima e i The Game Awards poi, che hanno visto trionfare Stray come miglior gioco per Playstation e Elden Ring come miglior gioco dell’anno.


Lo scorso 22 novembre si è tenuta la 40esima edizione dei Golden Joystick Awards, evento di premiazione videogame, dove il pubblico decide il proprio gioco dell’anno. Non sono mancate come da tradizione le sorprese. La lista di candidati quest’anno era davvero ricca, figlia anche di titoli importanti come Horizon Forbidden West, Elden Ring, God of War Ragnarok, Leggende Pokémon: Arceus e Xenoblade Chronicles 3, il tutto abbellito poi da progetti minori (per budget) come Stray e Grounded. A sorprendere a fine serata sono stati però alcuni dei vincitori, soprattutto per quanto riguarda la piattaforma singola. Stray è stato infatti eletto dai giocatori come Gioco dell’Anno su PlayStation. Come da pronostico invece, Elden Ring ha monopolizzato l’evento, candidandosi come Ultimate Game of the Year – gioco dell’anno – e vincendo un totale di quattro premi.

The Golden Joystick Awards – la premiazione

Tra i nomi spiccati in questa edizione dei Golden Joystick Awards 2022, sicuramente c’è quello di Elden Ring. Il soulslike open-world di From Software ha conquistato la serata portando a casa svariati primi premi, tra i quali il titolo di Gioco dell’Anno battendo rivali come Horizon Forbidden West, Return to Monkey Island, Xenoblade Chronicles 3, Gran Turismo 7, Immortality, Mario + Rabbids Sparks of Hope, Teardown, Bayonetta 3, Call of Duty Modern Warfare 2, Neon White e, soprattutto, God of War Ragnarok (da precisare però che proprio quest’ultimo è uscito dopo l’apertura delle votazione dei Golden Joystick Awards, quindi più svantaggiato rispetto agli altri). Lo studio nipponico inoltre, ha portato a casa un altro premio molto importante, quello Studio dell’Anno, il quale sommandosi ai ben quattro risultati ottenuti da Elden Ring va a creare un risultato di tutto rispetto per il team di sviluppo.

Per quanto riguarda invece i giochi vincitori per le specifiche piattaforme, abbiamo avuto Grounded come Gioco Xbox dell’Anno, Leggende Pokémon Arceus – Gioco Nintendo Switch dell’Anno, Return to Monkey Island  – Gioco PC dell’anno, Stray – Gioco PlayStation dell’Anno.

La novità Stray: Trama e ambientazione

Stray è stato il videogioco protagonista dell’estate 2022 dopo aver conquistato pubblico e critica e aver scalato le classifiche di gradimento per pc Windows e su PS4 e PS5. Questo titolo di avventura è riuscito a unire in modo equilibrato e sorprendente una serie di elementi che solo in apparenza sembrano agli antipodi, come un simpatico gatto randagio e un mondo sotterraneo in perfetto stile cyberpunk popolato da robot. Probabilmente è proprio questo il segreto del successo di Stray, la capacità di spostare il punto di vista felino in un ampio open-world da esplorare e nel quale divertirsi.

Sviluppato da BlueTwelve Studio e pubblicato da Annapurna Interactive, Stray è un gioco totalmente indipendente nel quale il giocatore prende il controllo del felino con una visuale in terza persona, incontrando quasi da subito anche un piccolo compagno di viaggio, come un drone chiamato B-12 mosso da un’intelligenza artificiale che cerca di ricostruire la propria memoria. Il gioco prosegue dunque così per la maggior parte del tempo, con la coppia che scopre come i robot che girano per il sottosuolo debbano difendersi dagli immancabili nemici. Per completare la storia principale basterebbero circa 5 ore, ma la longevità potrebbe portare a 7 o 8 in virtù di tutte le quest secondarie.

The Game Awards 2022 – la premiazione

Nella notte italiana  dell’8 dicembre, sono stati assegnati invece i Game Awards 2022, gli Oscar dei videogiochi, inoltre sono stati annunciati e mostrati per la prima volta molti videogame attesi dal 2023.

Il premio più ambito, quello di Gioco dell’Anno, che tradizionalmente si traduce in una versione speciale e celebrativa, è andato ancora a Elden Ring, preferito ai vari A Plague Tale: Requiem, God of War Ragnarök, Horizon Forbidden West, Stray e Xenoblade Chronicles 3. Il titolo di From Software si è portato a casa anche i riconoscimenti per Miglior Game Direction, Art Direction e Miglior GDR.

Grandi soddisfazioni questa volta, anche per l’attesissimo God of War Ragnarök che ha ottenuto ben sei premi: Narrativa, Colonna sonora, Audio design, Performance, Accessibilità e Miglior Action/Adventure. Apprezzata anche qui la novità Stray, riconosciuto come Miglior Indie e Miglior Indie al debutto, battendo titoli molto ben fatti come Norco, Sifu e Tunic. Nessun premio invece per Immortality, sul quale però c’erano diversi dubbi sin dall’inizio, mentre Moss: Book II ha vinto come Miglior Gioco VR, Bayonetta 3 come Miglior Action, Kirby and the Forgotten Land come Miglior Gioco per Famiglia e The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom come gioco Più Atteso.



Avatar photo

Daniele Compagno

Scrivo di Sport e Cultura e offro il mio apporto con impegno e costanza per la crescita e lo sviluppo di Eco Internazionale.