Come la mafia parla, scrive, comunica: “Il linguaggio mafioso” di Giuseppe Paternostro

Di Silvia Scalisi – Di libri che raccontano storie di mafia, più o meno conosciute, se ne trovano decine sugli scaffali delle librerie, italiane e non solo. Libri che raccontano aneddoti, che svelano retroscena (o che, quantomeno, tentano di farlo) su un’organizzazione criminale di dimensioni tentacolari, diffusa a livello internazionale. Continua a leggere “Come la mafia parla, scrive, comunica: “Il linguaggio mafioso” di Giuseppe Paternostro”

Annunci

Le donne di Jackie Ormes, la prima fumettista afroamericana

Di Ester Di BonaJackie Ormes (Zelda Mavin Jackson) nasce a Pittsburgh nel 1911, in Pennsylvania. Il padre William Winfield Jackson, proprietario di una compagnia di pitture e proprietario di un teatro, perde la vita in un incidente automobilistico nel 1917. Insieme alla sorella Dolores passa l’infanzia con gli zii, finché la madre Mary Brown Jackson non si risposa, trasferendosi con le figlie nei dintorni di Monongahela. Continua a leggere “Le donne di Jackie Ormes, la prima fumettista afroamericana”

A Gaza la sconfitta è di tutti, che si usino sassi o proiettili

Di Daniele Monteleone – Cosa è Gaza? È un luogo infernale. Vede la contrapposizione di due richieste sostanzialmente identiche: il diritto di esserci. Parliamo dei Palestinesi, un popolo senza diritti che dopo il Secondo conflitto mondiale è stato privato delle sue terre, anche per la propria incapacità diplomatica; e degli Israeliani, una realtà dapprima frammentata in quello che veniva definito un unico “Grande Israele” e adesso titolare di un controllo indiretto esteso anche alla Striscia di Gaza, territorio però palestinese. Continua a leggere “A Gaza la sconfitta è di tutti, che si usino sassi o proiettili”

La rivoluzione egiziana, tra caratteri nuovi e poteri oppressivi

Di Davide Renda – Per il dossier Privamere arabe. Continua a leggere “La rivoluzione egiziana, tra caratteri nuovi e poteri oppressivi”

Palme da olio: esotiche? No, distruttive

Di Martina Costa – L’olio di Palma è l’olio vegetale più commercializzato al mondo. La sua presenza nel mercato globale internazionale è onnipresente. Un acceso dibattito l’ha posto nel mirino dell’attenzione pubblica e delle critiche dei consumatori più o meno consapevoli, ma certamente irrimediabilmente preoccupati per la loro salute. Non staremo qui però a discutere sulla qualità del prodotto o sui suoi effetti. Parleremo piuttosto di quello che succede prima che l’olio arrivi alle nostre tavole. Probabilmente qualcuno si sarà domandato: ma tutto quest’olio, dove verrà mai prodotto? Continua a leggere “Palme da olio: esotiche? No, distruttive”