Stéphanie Frappart, il primo arbitro donna in una finale europea maschile

Di Daniele Compagno – L’Uefa apre a nuovi orizzonti e designa una donna, Stéphanie Frappart, per arbitrare l’incontro di Supercoppa europea del 14 agosto tra Liverpool e Chelsea. Sarà la prima volta che una donna dirigerà una finale Uefa maschile, una gara che apre il sipario sulla nuova stagione mettendo di fronte i vincitori della Champions League e dell’Europa League al Beşiktaş Park di Istanbul.

Annunci

Stéphanie Frappart, classe 1983, ha già diretto la finale del Mondiale di calcio femminile tra Stati Uniti e Olanda del mese scorso. Ha anche arbitrato la semifinale dell’Europeo del 2017 e la finale dell’Europeo Under 19 del 2012. La Frappart infrange così per la seconda volta un tabù: ad Aprile infatti era diventata la prima donna a dirigere una gara di Ligue1 (campionato francesce maschile), tra Amiens e Strasburgo. La donna è stata promossa stabilmente tra gli arbitri della massima serie francese in vista della prossima stagione.

Come nella finale Mondiale, la Frappart sarà assistita dalla connazionale Manuela Nicolosi (italiana d’adozione francese) e dall’irlandese Michelle O’Neal. A dirigere invece le operazioni della Var sarà Clement Turpin (Francia), affiancato da François Letexier (Francia), Mark Borsch (Germania) e dal “nostro” Massimiliano Irrati (Italia). 

Non sono mancati i commenti post nomina Stéphanie, a partire dal presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin per poi passare al Presidente della Commissione Arbitri, il “nostro” Roberto Rosetti; entrambi entusiasti per la riconoscenza data alla Frappart. «In molte occasioni ho detto che il calcio femminile non ha limiti e sono lieto che Stéphanie Frappart sia stata nominata arbitro della finale di Supercoppa Europea – ha dichiarato Aleksander Ceferin – Come organizzazione diamo la massima importanza allo sviluppo del movimento femminile in tutti i settori. Spero che l’abilità e la devozione che Stéphanie ha mostrato in tutta la sua carriera per arrivare a questo livello, sia di ispirazione a milioni di ragazze e donne in Europa e mostri loro che non ci dovrebbero essere barriere per raggiungere il proprio sogno».

Il Presidente Uefa: Aleksander Ceferin

«Stephanie se lo merita, ha dimostrato nel corso di un certo numero di anni che lei è uno dei migliori arbitri di sesso femminile, non solo in Europa, ma in tutto il mondo – ha detto il presidente della Commissione Arbitri dell’Uefa, Roberto Rosetti – Ha la capacità di arbitrare sul palcoscenico più importante, come ha dimostrato nella finale di Coppa del Mondo femminile di quest’anno. Spero che questa partita a Istanbul le fornirà ancora più esperienza proprio nel pieno della sua carriera arbitrale». Non ci resta che attendere giorno 14 Agosto, non solo per il Ferragosto, ma anche per assistere alla prima e magari non solo ultima volta, che una finale maschile venga arbitrata da una donna.



Immagine copertina da www.tpi.it

Annunci

Eco Internazionale

Attualità Internazionale | Società | Cultura | Personaggi

Commenta

Annunci
Annunci