Il viaggio del Doctor Strange nel Multiverso della Follia

Dallo scorso 4 maggio una nuova avventura Marvel è nelle sale cinematografiche italiane: Doctor Strange nel Multiverso della Follia


Nel multiverso di casa Marvel non c’è mai un momento di tranquillità per i suoi eroi, e dopo l’apertura in Spider-Man No Way Home questa volta tocca a Doctor Strange cominciare un viaggio tra le diverse realtà per porre rimedio ai classici squilibri tra gli universi. 

Dopo aver affiancato lo Spider-Man di Tom Holland in Spider-Man: No Way Home, Benedict Cumberbatch lo scorso 4 maggio, infatti, è tornato al cinema nei panni di Stephen Strange nel sequel Doctor Strange nel Multiverso della Follia

In Doctor Strange 2 dei Marvel Studios, diretto da Sam Raimi della trilogia di Spider-Man e scritto dall’esordiente Jade Halley Bartlett con Michael Waldron, il Marvel Cinematic Universe (MCU) sblocca il Multiverso e spinge i suoi confini oltre ogni limite conosciuto. Un viaggio nell’ignoto per Strange che, con l’aiuto di mistici alleati vecchi e nuovi, attraversa le sconvolgenti e pericolose realtà alternative del Multiverso per affrontare un nuovo misterioso avversario.

La trama e i personaggi nel nuovo capitolo di Doctor Strange

Finora la cosiddetta “fase 4” del MCU è stata poco compatta, con storie per lo più autonome tra cinema e Tv, ma le cose possono cambiare con Doctor Strange nel Multiverso della Follia. Il film riprende elementi introdotti nei capitoli precedenti, in particolare le varianti di uno stesso personaggio da altre linee temporali come quella di Loki, l’evoluzione di Wanda che ha perso i propri figli ed è divenuta Scarlet Witch in WandaVision, e i portali verso il multiverso di Spider-Man: No Way Home.

Il film racconta di Stephen Strange, geniale mago che, dopo i recenti eventi del terzo capitolo di Spider-Man, è tormentato da incubi su una misteriosa minaccia da altre dimensioni. Per questo si affida alla sua amica Wong e recluta l’aiuto della potentissima Wanda, alias Scarlet Witch.

I trailer del film hanno creato sempre più interesse e l’ultimissimo ha confermato quello che i fan hanno sospettato non appena hanno riconosciuto la voce (e l’orecchio!) di Patrick Stewart: Stephen Strange incontrerà infatti la versione MCU degli Illuminati. 

Nei fumetti si tratta di un gruppo di eroi Marvel che hanno ritenuto di doversi ergere a custodi di numerosi segreti, tanto da agire nell’ombra e manipolare l’intera comunità dei supereroi. Qui il loro ruolo sarà probabilmente diverso, ma la cosa importante è che si tratta di potenti supereroi di vari mondi che, come sembrano includere Charles Xavier degli X-Men, potrebbero comprendere anche varianti degli Avengers, da Iron Man in giù. Oltre a Strange, Wong e Wanda, tornerà anche l’amico-nemico Mordo e, strada facendo, il gruppo incontrerà una ragazza capace di saltare tra le dimensioni: America Chavez.

Strange, assieme ai suoi alleati, incontrerà poi nel corso del viaggio numerose varianti di loro stessi, incluso uno Strange zombie e uno impazzito per il troppo potere (simili quindi alle versioni viste nella serie animata What If…), e pure di Christine Palmer, la dottoressa tanto amata da Strange ma lasciata per completare i suoi studi mistici. 

doctor strange zombie

I trailer mostrano inoltre anche una variante di Captain Marvel che si scontra con Wanda, e siamo sicuri ci saranno molte altre sorprese. Vedremo nuove creature digitali come il minotauro mago Rintrah, dal fulvo pelo verde, e la cthulhiana entità Shuma Gorath, un enorme mostro dai molti tentacoli e dagli spaventosi poteri, che al cinema si chiamerà però Gargantos, per via di un problema di diritti con il nome.

Ultimo particolare che non vedremo ma che potremmo leggere nella produzione del film, è che doveva essere diretto, come il precedente, da Scott Derrickson, ma il regista voleva dargli un taglio più horror e alla fine si è amichevolmente allontanato dal progetto, che è passato a Sam Raimi. Fu lui a rilanciare, infatti, i supereroi per il nuovo millennio con il suo Spider-Man; adesso il regista torna in un universo Marvel infinitamente più vasto, dove potrà spaziare tra scene spaventose e altre più leggere, tra apparizioni a sorpresa e scenari impossibili. Il suo è un ritorno in grande stile che ha alzato enormemente le aspettative per questo film: suo l’onore e l’onere di far davvero ingranare la fase 4 e di rendere ancora più grande l’MCU.

I primi dati dal botteghino

Doctor Strange nel Multiverso della Follia, che in questo momento ritroviamo nei cinema, ha fatto registrare, ad oggi, incassi record nel suo primo fine settimana. Si parla di un incasso pari a 450 milioni di dollari, in poco meno di una settimana (ricordiamo che il film è nelle sale italiane dallo scorso 4 Maggio). 

Un dato che ovviamente fa riferimento alle entrate globali del film. Dei 450 milioni di dollari incassati, infatti, 185 milioni sono stati raccolti negli Stati Uniti. mentre gli altri 265 milioni nel resto del mondo, ovvero nei Paesi dove il film è stato distribuito. Sembra il caso di dire che il successo dei film del Marvel Cinematic Universe non accenna a diminuire e che i fan di tutto il mondo, nonostante la pandemia e i timori per il post Avengers: Endgame, siano sempre più curiosi di vedere le nuove avventure del Doctor Strange e dei suoi compagni. Evidentemente il mondo ha ancora bisogno di supereroi.


Daniele Compagno

Scrivo di Sport e Cultura e offro il mio apporto con impegno e costanza per la crescita e lo sviluppo di Eco Internazionale.