Tempo di lettura: 2 minuti

Marriage Story, il pacato dramma dell’amore che finisce

Condividi

Il tema dell’amore finito e delle relazioni che appassiscono col passare del tempo è senza dubbio uno dei più usati (e spesso abusati) del mondo del cinema. Estremamente complesso risulta, quindi, affrontare questi temi in modo originale e non scontato, cercando di cogliere aspetti nuovi e non banali. Noah Baumbach ci ha provato con Marriage Story e ci è riuscito.

Marriage Story – Storia di un matrimonio” racconta la fine dell’amore tra Charlie (interpretato da uno straordinario Adam Driver, candidato all’Oscar) e Nicole (una Scarlett Johansson magistrale, anche lei candidata all’Oscar per questo ruolo, oltre che per quello in Jojo Rabbit). Charlie e Nicole sono sposati da dieci anni, hanno un figlio di otto, Henry, che entrambi amano moltissimo. Charlie è un regista newyorkese di teatro d’avanguardia, Nicole un’aspirante attrice di Los Angeles che aveva provato a sfondare nel patinato mondo del cinema, prima di incontrare Charlie e dedicarsi totalmente ai suoi lavori.

Sin da subito viene messa in evidenza la profonda frustrazione di Nicole, che è poi ciò da cui ha inizio il declino, con quel suo desiderio di avere successo a Hollywood, messo a tacere un decennio prima per seguire devotamente il marito Charlie. Ma poiché il malessere interiore non si può nascondere per sempre, inevitabilmente prima o poi viene fuori e si sprigiona in tutta la sua devastazione: Nicole inizia a nutrire quasi un odio nei confronti del marito, capro espiatorio e causa di ogni suo risentimento, del suo insuccesso e delle sue delusioni lavorative. Comincia quindi un allontanamento, lento ma inesorabile, da quello che era stato il suo compagno di vita fino a quel momento. Charlie diventa il nemico assoluto, percorrendo una retta che scorre parallela alla vita di Nicole e che non incontrerà mai più (emblematiche le varie scene in cui i due protagonisti si trovano ai lati opposti dell’inquadratura, vicini ma al tempo stesso lontani, ormai per sempre) e la soluzione non può che essere una: il divorzio.

Inizialmente decisi a non ricorrere agli avvocati, Charlie e Nicole si lasciano trascinare dagli eventi, coinvolgendo dei legali che si riveleranno essere dei veri e propri squali (Laura Dern e Ray Liotta perfetti in questi panni), con il solo obiettivo di screditare e buttare fango sulla controparte per ottenere l’affidamento del piccolo Henry. Gli sguardi che si lanciano Charlie e Nicole in aula parlano chiaro e sembrano voler dire: “Io non volevo questo, io non credo a quello che stanno dicendo, questi non siamo noi”, ma ormai il gioco è iniziato e la partita deve finire, e vincerà soltanto uno. Anzi, al contrario: non vincerà nessuno, perché Charlie e Nicole hanno già perso. Hanno perso quando hanno smesso di comunicare, lasciando che i risentimenti prendessero il sopravvento; hanno perso tutte le volte che hanno pensato «ogni giorno mi sveglio con la speranza che tu sia morto»; hanno perso quando hanno iniziato ad avere paura della propria fragilità, girandosi dall’altro lato del letto e piangendo in silenzio sul cuscino, o nella stanza accanto, per evitare di essere visti.

Non sappiamo quanto ci sia della personale esperienza di Baumbach e del suo divorzio con l’attrice Jennifer Jason Leigh; certo è che risulta chiaro il riferimento (e anche l’omaggio) di Marriage Story a Kramer contro Kramer, con uno sguardo ai lavori di Ingmar Bergman e Woody Allen. La Johansson e Adam Driver, da Oscar entrambi, completano il quadro. Il filo conduttore è questo dolore sotteso, silenzioso e continuo che accompagna tutto il film, un filo sottile e discreto che fa da sfondo a delle situazioni che destano spesso sorrisi e risate (esilarante la scena della sorella di Nicole in cucina che deve consegnare i documenti del divorzio al cognato Charlie): dolore e rassegnazione, e l’amara presa di coscienza che ormai nulla potrà più tornare come prima.

Baumbach è stato capace di descrivere una situazione in cui tutti possiamo trovare un po’ di noi stessi: tutte le volte che abbiamo visto finire un amore, tutte le volte in cui è rimasto soltanto l’alone sfocato di un affetto e una stima reciproci, tutte le volte in cui ci siamo resi conto che qualcosa, inevitabilmente, si era rotto e abbiamo visto a terra i suoi cocci. La forza di Marriage Story è, probabilmente, questa: l’averci mostrato sensazioni ed emozioni così diverse, ma così familiari, per ciascuno di noi.


Condividi

Silvia Scalisi

Segretario di Eco Internazionale. Laureata in Giurisprudenza, alla passione per il diritto associo quella per la letteratura, il cinema e la musica.

error: Content is protected !!