Calcio e social, la nuova combinazione vincente

Di Daniele Compagno – Nel secolo scorso i luoghi dove discutere e parlare di calcio erano i bar, le piazze, gli stadi. Oggi, nell’era dei social network, tutto sta cambiando, in particolar modo le abitudini degli appassionati e dei tifosi. Questi ultimi chattano, twittano, postano interagendo direttamente con i propri idoli e con le squadre che amano oppure odiano. Continua a leggere “Calcio e social, la nuova combinazione vincente”

Annunci

Viaggio, racconto, memoria: nel cuore della sicilianità

Di Sara Sucato – Essere siciliani è un viaggio lungo una vita. Nascere in Sicilia porta a vedere il mondo attraverso occhi diversi, con uno sguardo appassionato, famelico di un vissuto reale. L’obiettivo di Ferdinando Scianna guarda la vita proprio come l’occhio umano di un suo conterraneo. Nessun soggetto è studiato o in posa – eredità del maestro Henri Cartier-Bresson – e spesso sfocato o in movimento, racconta storie vere. Continua a leggere “Viaggio, racconto, memoria: nel cuore della sicilianità”

Neanche il carcere fascista la fermò: la storia di Adele Bei

Da Madri costituenti

Di Alessandra Fazio – Adele Bei, una delle 21 madri costituenti, nacque a Cantiano il 4 Maggio del 1904. Sin dall’età adolescenziale mostrò profondo interesse per la politica, probabilmente grazie all’influsso dei componenti della sua famiglia, dediti  alle questioni politiche in modo, piuttosto, fermo e  assiduo. Continua a leggere “Neanche il carcere fascista la fermò: la storia di Adele Bei”

A volte ritornano: in arrivo la mini naja

Di Marco Cerniglia – Da quando è al governo, più volte, il vicepremier Matteo Salvini ha provato a sollevare l’ipotesi di un ritorno della leva militare, seppur presentandola come una sua personale idea e non come un piano di governo. Eppure, proprio in questi giorni, un progetto sperimentale, la mini-naja, ha ricevuto l’approvazione quasi unanime della Camera dei Deputati.

Continua a leggere “A volte ritornano: in arrivo la mini naja”

Vittime due volte, colpevoli mai

Di Clara Geraci – Ai soldatini del Daesh le belve di al–Baghdadi vendono terrore e convinzioni allucinate. Controllano le scuole, ideologizzano l’educazione, stravolgono le menti. Fino a cancellare ogni libero pensiero, fino a ripulire le coscienze del senso dell’umano. Continua a leggere “Vittime due volte, colpevoli mai”

I soldatini del Daesh non ridono

Di Clara Geraci – Kaheel (nome di fantasia) ha più o meno nove anni, e sa già uccidere. Da quando il Califfato gli ha regalato la folle fierezza del combattente in cambio della sua vita da bambino, imbraccia un kalashnikov e gioca alla guerra, quella vera. Continua a leggere “I soldatini del Daesh non ridono”