Il Fabbricante di lacrime di Erin Doom è il libro più venduto del 2022

Un caso editoriale, 450mila copie vendute, autrice emergente pescata dal cilindro magico della piattaforma Wattpad e pubblicata da Magazzini Salani, top trend sul booktok, firmati i diritti per la produzione di un film: stiamo parlando del libro più venduto del 2022, il Fabbricante di Lacrime di Erin Doom.


Erin Doom è l’acronimo in cui si cela questa giovane emiliana di appena 30 anni di cui non si conosce la vera identità, e forse per questo è stata paragonata ad Elena Ferrante. Laureata in Giurisprudenza inizia la sua avventura da scrittrice a 17 anni, utilizzando come veicolo di diffusione la piattaforma che molti giovani scrittori usano, ovvero Wattpad, pubblicando un capitolo alla volta il racconto Nel modo in cui cade la neve, il secondo libro pubblicato da Salani ma il primo sulla piattaforma.

Scrisse sulla stessa piattaforma anche il Fabbricante di Lacrime e dato il grande successo, Erin Doom decise di auto-pubblicarlo nella sua interezza su Amazon. Nel giro di poco tempo le copie andarono a ruba diventando il self-publishing più venduto sull e-commerce. Dopo il grande successo i Magazzini Salani contattano l’autrice proponendo una pubblicazione classica nel 2021.

libro erin doom

Tutti pazzi per il Fabbricante di Lacrime soprattutto sul BookTok, che sicuramente ha contribuito al grande successo del romanzo. Le videorecensioni, i gruppi di lettura o le sfide a leggere questo romanzo considerato sopravvalutato, hanno portato il libro sui top trend della piattaforma social. Di questo ne abbiamo già parlato, soprattutto della grande influenza che Tik Tok ha avuto sul mondo dell’editoria. Un vero e proprio boom nello specifico del genere romance o dark romance, che al suo interno contengono tropes ricorrenti sempre abbastanza simili (tra i più usati gli enemies to lovers, age gap, grumpy sunshine, fake dating, ecc.).

libro erin doom

In questa foto, un post creato dall’autrice romance Felicia Kingsley, che spiega quanti e quali sono i tropes più ricorrenti 

Parliamo in questo caso di un romance, o per categorizzarlo ancora meglio, un romanzo young adult (letteralmente “giovani adulti”), una categoria editoriale che comprende i romanzi che hanno per protagonisti adolescenti e si rivolgono alle adolescenti e agli adolescenti come lettori di riferimento, sebbene spesso siano letti anche da persone adulte che nella lettura cercano principalmente una fonte di svago. Sono infatti scritti con uno stile semplice e accessibile. 

La trama (dal sito Salani): «Tra le mura del Grave, l’orfanotrofio in cui Nica è cresciuta, si raccontano da sempre storie e leggende a lume di candela. La più famosa è quella del fabbricante di lacrime, un misterioso artigiano dagli occhi chiari come il vetro, colpevole di aver forgiato tutte le paure e le angosce che abitano il cuore degli uomini.

Ma a diciassette anni per Nica è giunto il momento di lasciarsi alle spalle le favole tetre dell’infanzia. Il suo sogno più grande, infatti, sta per avverarsi. I coniugi Milligan hanno avviato le pratiche per l’adozione e sono pronti a darle la famiglia che ha sempre desiderato.

Nella nuova casa, però, Nica non è da sola. Insieme a lei viene portato via dal Grave anche Rigel, un orfano inquieto e misterioso, l’ultima persona al mondo che Nica desidererebbe come fratello adottivo. Rigel è intelligente, scaltro, suona il pianoforte come un demone incantatore ed è dotato di una bellezza in grado di ammaliare, ma il suo aspetto angelico cela un’indole oscura.

Anche se Nica e Rigel sono uniti da un passato comune di dolore e privazioni, la convivenza tra loro sembra impossibile. Soprattutto quando la leggenda torna a insinuarsi nelle loro vite e il fabbricante di lacrime si fa improvvisamente reale, sempre più vicino. Eppure Nica, dolce e coraggiosa, è disposta a tutto per difendere il suo sogno, perché solo se avrà il coraggio di affrontare gli incubi che la tormentano, potrà librarsi finalmente libera come la farfalla di cui porta il nome».

Il romanzo mantiene costante un tono malinconico, narrato con la voce della protagonista. Nella storia vengono trattati temi molto forti, come gli abusi fisici e psicologici e le prime esperienze con il mondo del sesso.

Questi temi sono ricorrenti nel genere young adult, categoria che di norma si riferisce a un pubblico di giovani dai 12 ai 18 anni, anche se la categorizzazione ormai è diventata irrilevante. Alcuni romanzi di questa categoria posseggono un tono abbastanza spinto e alle volte complesso, che il pubblico di riferimento spesso è molto over 20.

Erin Doom con il suo Fabbricante di Lacrime ha certamente creato un vero e proprio caso editoriale per oltre 82 settimana tra i primi in classifica. «Questo straordinario risultato è stato raggiunto da una giovane autrice esordiente, prova tangibile dell’eterna vitalità del mondo del libro. La classifica delle vendite premia la capacità delle nuove generazioni di far fiorire sotto nuove forme il passaparola più autentico. Siamo inoltre orgogliosi che, come l’anno scorso, il romanzo più venduto dell’anno sia italiano, e da qui potrà essere scoperto e amato in tutto il mondo», commenta così Marco Figini, Direttore Editoriale di Magazzini Salani.

libro erin doom
L’unico modo in cui l’autrice concede foto di sé stessa, ancora non si sente pronta a rivelarsi, ma non nega di volerlo fare in futuro 

Il romanzo uscito nel 2021 ha goduto del suo apice proprio in questo anno appena terminato. In questo 2022 oltre a pubblicare il suo secondo romanzo Nel modo in cui cade la neve che ha già venduto migliaia di copie, Erin Doom vede acquisiti a giugno i diritti cinematografici per Fabbricante di lacrime dalla Colorado Film, la casa di produzione cinematografica fondata da Maurizio Totti, Gabriele Salvatores e Diego Abatantuono.

Avatar photo

Virginia Monteleone

Responsabile "Eco Culturale". Credo che l’arte sia una scelta di vita, e che la si sceglie in vari modi: la si fa, la si spiega, la si vende o la si compra. Io la svelo nella sua semplicità.