Così succede, e così si cambia, in Pakistan

Di Silvia Scalisi – In Pakistan succede che una donna assetata non possa bere, neppure toccare, lo stesso bicchiere d’acqua che poi passerà alle sue compagne, in un’afosa giornata estiva di duro lavoro nei campi. In Pakistan succede che un banale litigio verbale possa portare in carcere. In Pakistan succede che per una frase definita scomoda si possa essere condannati a morte per blasfemia. In Pakistan, succede. Continua a leggere “Così succede, e così si cambia, in Pakistan”

Annunci

Storie di speranza in Pakistan: Zarish e i suoi bambini del Jeremiah Education Centre

Di Simonetta Viola – I can change the future, questo il messaggio che troveremo sul muro del Jeremiah Education Centre in Pakistan. Se proviamo ad entrare, poi, ci troveremo davanti una ragazza di origini pakistane di 30 anni dagli occhi grandi di nome Zarish Neno. Continua a leggere “Storie di speranza in Pakistan: Zarish e i suoi bambini del Jeremiah Education Centre”

Iqbal, il bambino che sfidò il racket dei tappeti in Pakistan

Di Saida Massoussi – Era il 16 Aprile del 1955. Mentre ritornava a casa in bicicletta nel suo villaggio Muritke in Pakistan, Iqbal Masih perdeva la vita ucciso dagli uomini della mafia dei tappeti pakistani. All’’epoca dell’’uccisione Iqbal aveva solo 12 anni. Venne assassinato perché aveva avuto il coraggio di denunciare lo sfruttamento minorile dilagante nel suo Paese. Continua a leggere “Iqbal, il bambino che sfidò il racket dei tappeti in Pakistan”