La lotta alla mafia nigeriana inizia da Castel Volturno

Di Redazione – Un contingente di circa 200 militari sarà inviato nel casertano al fine di contrastare la mafia nigeriana, insediatasi nei dintorni del comune di Castel Volturno. La decisione è stata presa di comune accordo tra il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, e il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Continua a leggere “La lotta alla mafia nigeriana inizia da Castel Volturno”

Annunci

Quando la guerra uccide anche senza combattere

Di Marco Cerniglia – Il 7 febbraio 2018, alla Camera dei Deputati, è stato presentato un
documento molto importante: la relazione finale della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’utilizzo di amianto e di uranio impoverito nelle operazioni della Difesa. Continua a leggere “Quando la guerra uccide anche senza combattere”

Soldati di ieri, soldati di oggi

Di Francesco Polizzotto e Marco Tronci Il termine soldato deriva da una parola del francese antico, essa stessa una derivazione di Solidarius, latino per indicare qualcuno che ha operato per denaro. Solidare in latino significa appunto “pagare” e i soldati romani erano pagati in “solidi”. L’origine comune per le parole soldato e pagamento rimane non solo in francese (soldat e solde) ma anche in altre lingue, come il tedesco (soldat e sold), lo spagnolo (soldado e soldada), l’olandese (soldaat e soldij) e l’inglese (soldier e sold) nel senso più ampio di “venduto”. Continua a leggere “Soldati di ieri, soldati di oggi”

Quando il Palazzo di Vetro si macchia di sangue

I caschi blu dell’Onu, ovunque abbiano attuato missioni di peacekeeping, hanno commesso una serie di crimini contro la popolazione civile, uccidendo migliaia di civili e praticando persino abusi sessuali su donne e bambini, spesso avvicinati con la banale scusa di offrire loro cibo e soldi. Tra le vittime delle forze di pace troviamo i civili di Bosnia, Ucraina, Rwanda, Haiti, Liberia, Kosovo, Somalia, Repubblica del Sudan del Sud, Costa d’Avorio, ecc. Purtroppo, soltanto per pochi casi accertati sono seguiti un processo e una condanna penale dei responsabili. Continua a leggere “Quando il Palazzo di Vetro si macchia di sangue”

Reparti d’assalto internazionali: relitti militari o risorsa indispensabile?

Di Valentino Billeci – In seguito agli attentati degli ultimi anni (ed in particolare dopo quelli in Francia del novembre 2015) il terrorismo globale ha portato numerosi stati a rivedere e rafforzare la sicurezza interna: investimenti in nuove tecnologie, inserimento di personale altamente qualificato nel settore informatico e dispiegamento di maggiore personale per le strade. Continua a leggere “Reparti d’assalto internazionali: relitti militari o risorsa indispensabile?”