Trump e i vicini di casa Messico e Canada: il NAFTA, il big wall e le altre storie

I rapporti degli Stati Uniti con i due confinanti stanno vivendo un momento di stallo su diversi fronti. Messico e Canada, insieme agli Usa, sono i paesi firmatari del trattato NAFTA (North American Free Trade Agreement) e in questi mesi si stanno affrontando le faticose trattative di rinegoziazione sulle quali si stanno facendo ben pochi progressi. Inevitabile è anche l’intreccio tra gli accordi economici, lo spostamento di merci e persone, e dunque la gestione dei confini e della sicurezza. Su quest’ultimo tema si è recentemente espresso il presidente americano Donald Trump, sulla scia del terribile attacco terroristico del 24 novembre alla moschea egiziana, dichiarando il bisogno del muro – quello tra Usa e Messico – e del ban, la legge sulla gestione dell’immigrazione musulmana negli Stati Uniti. Entrambe le operazioni risultano ingolfate. Continua a leggere “Trump e i vicini di casa Messico e Canada: il NAFTA, il big wall e le altre storie”

Dal muro al boicottaggio: Trump se la vede col Messico

Con l’ordine esecutivo, uno strumento di routine che oggi come non mai ci appare minaccioso, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deciso di dare seguito a quelle promesse elettorali di contrasto all’immigrazione clandestina proveniente dal Messico. Quella faccenda del muro criticata – e sottovalutata – da analisti ed esperti, giudicata inutile e dispendiosa, si sta concretizzando scatenando il battibecco a distanza tra il tycoon e il presidente messicano Enrique Peña Nieto oltre che una furibonda guerra commerciale. Continua a leggere “Dal muro al boicottaggio: Trump se la vede col Messico”

Stati Uniti e Messico: l’immigrazione e la corsa alle presidenziali

Ogni anno, 400 mila persone partono dalle regioni del Centro America per tentare di emigrare verso gli Stati Uniti. La maggior parte proviene dal Messico, ma anche dall’Honduras e dal El Salvador, paesi che si collocano ai primi posti tra gli Stati con il più alto tasso di omicidi al mondo. Ciò è dovuto principalmente dalla presenza delle organizzazioni criminali che gestiscono il traffici di droga e di vite umane in quei territori. L’elevato tasso di criminalità, la corruzione che coinvolge le istituzioni politiche e militari, insieme alla continua violazione dei diritti umani spinge ogni giorno giovani, donne e bambini a migrare verso gli Stati Uniti, attraverso le montagne o via mare. Continua a leggere “Stati Uniti e Messico: l’immigrazione e la corsa alle presidenziali”