L’Iraq dalle proteste antigovernative alla guerra contro l’Isis

Di Davide RendaPer il dossier Primavere arabe Continua a leggere “L’Iraq dalle proteste antigovernative alla guerra contro l’Isis”

Annunci

Guerra all’Isis: non basta un chilometro di distanza per sfuggire ai cecchini britannici

Di Marco TronciUn buon tiratore e il suo fucile sono un arma infallibile. Un nuovo record è stato stabilito in Siria, dove attualmente si combatte senza sosta la guerra al terrorismo. In questi giorni infatti un tiratore scelto britannico, la cui identità per motivi di sicurezza non è stata svelata neanche dai tabloid inglesi, ha effettuato un colpo da maestro, uccidendo un noto esponente dell’Isis a una distanza di 1.500 metri. Continua a leggere “Guerra all’Isis: non basta un chilometro di distanza per sfuggire ai cecchini britannici”

Addio al Generale Zahreddine. La Siria piange l’eroe di Deir el-Zor

Di Marco Tronci – “Solo i morti hanno visto la fine della guerra”, scriveva George Santayana. Infatti la guerra contro l’ISIS è finita due giorni fa per il Generale Issam Zahreddine, classe 1961, storico comandante della 104ª Brigata paracadutisti della Guardia Repubblicana siriana. Continua a leggere “Addio al Generale Zahreddine. La Siria piange l’eroe di Deir el-Zor”

Perché lo Stato Islamico sta perdendo la “guerra” in Occidente

Il ritorno del terrore islamista sulle strade europee ha nuovamente generato ombre e sospetti sulla sicurezza delle città del nostro Continente, in particolar modo di quei punti di aggregazione e concentrazione popolare. Continua a leggere “Perché lo Stato Islamico sta perdendo la “guerra” in Occidente”

Lo stato di perenne insicurezza dell’Europa. È questa la vera vittoria dell’Isis

Inutile girarci attorno. Ce l’aspettavamo. Ormai rientra drammaticamente nella normalità della nostra vita, dei nostri tempi. L’Isis ha colpito ancora. E lo ha fatto con i suoi metodi. Inafferrabili, fin troppo semplici nell’epoca delle guerre tecnologiche, per certi versi irrisori, terribilmente letali. Importa poco che sia un furgone o un camion, o un commando di persone, o un solo uomo armato di coltello. Continua a leggere “Lo stato di perenne insicurezza dell’Europa. È questa la vera vittoria dell’Isis”

Cos’è l’Isis?

L’autoproclamatosi “Stato Islamico” (ISIslamic State – ad-Dawla al-Islāmiyya, prima chiamato ISIL – “Islamic State in Iraq and the Levant” o ISIS, meglio chiamato come Dā’esh, quale acrononimo di al-Dawla al-Islāmiyya fi-l-‘Iraq wa ash-Sham), nato l’8 aprile 2013, non è uno stato arabo, non è uno stato islamico, non è uno stato vero e proprio. Nonostante abbia sogni espansionistici che puntino alla nascita di un califfato sempre più esteso, viene molto spesso erroneamente etichettato come Stato islamico, ma quest’accezione è fuorviante. Il termine Da’esh, con il quale viene descritto e chiamato, ha una connotazione negativa: il suo suono rimanda ai verbi “calpestare e distruggere” e viene usata con scopi denigratori. Continua a leggere “Cos’è l’Isis?”