Risvolti di un ritiro annunciato

Di Marco Cerniglia – Della crisi in Siria ormai se ne parla quasi quotidianamente. Un conflitto che sta ormai per compiere il suo ottavo anno di età, definito una guerra civile dal Comitato Internazionale della Croce Rossa. Tuttavia, nonostante la sua natura geograficamente localizzata, le ripercussioni di ciò che avviene al suo interno si fanno sentire a livello mondiale, e anche molte decisioni dello scacchiere politico internazionale vengono prese sulla base di quanto sta succedendo all’interno di quei confini. Continua a leggere “Risvolti di un ritiro annunciato”

Annunci

Yemen: «un inferno sulla terra» che il mondo sembra voler dimenticare

Di Clara Geraci – Sono passati poco più di tre anni da quando, il 25 marzo 2015, i primi raid aerei dell’operazione “Decisive Storm” hanno dato il via al disastro dello Yemen. Tre anni di guerra senza quartiere e senza regole. Continua a leggere “Yemen: «un inferno sulla terra» che il mondo sembra voler dimenticare”

“Beasts of no nation”, un film sull’innocenza strappata

Protagonista di una storia spaccata in due, tra idillio e terrore, Agu (interpretato dall’esordiente Abraham Attah) è il piccolo di casa in un paese africano dilaniato da tensioni intestine.

Il ragazzino trascorre la sua vita “normale”, tranquilla e pacifica con la sua famiglia e i suoi coetanei, felice in un contesto color rame di baracche arrugginite, del terriccio e di miseria. Con gli altri bambini passa le giornate a cercare vecchi elettrodomestici abbandonati, facendo scherzi con gli stessi – una televisione rotta senza schermo usata come una scatola teatrale, gioco che riporta a quel concetto di “creatività con poco” – e poi provare a rivenderli alla gente del paese; o a stuzzicare suo fratello maggiore. Una vita su cui non viene evidenziato alcun peso esistenziale, o alcuna condizione negativa dovuta alla povertà: è solo la felicità di un bambino, mentre gli adulti tengono ansiosamente l’orecchio alla radiolina. Continua a leggere ““Beasts of no nation”, un film sull’innocenza strappata”