La Grecia, figlia di Troika

Di Vincenzo Mignano – Dopo aver ricevuto circa 289 miliardi di euro in prestiti dalla Troika – composta dall’Unione Europea (UE), dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) e dalla Banca Centrale Europea (BCE) –, il Paese ellenico si ritrova, oggi, a fronteggiare le drastiche conseguenze dovute ad una politica di condizionalità economica molto rigida, unita alla richiesta, da parte dei creditori internazionali, di misure strutturali di austerità. La scelta di subordinare la concessione di aiuti finanziari all’adozione di tali misure (come già sottolineato), ha determinato una netta ingerenza internazionale nell’ambito della sovranità greca, sfruttando, quale breccia, l’insostenibilità del debito ellenico. Continua a leggere “La Grecia, figlia di Troika”

Annunci

Economia e potere: il caso greco

Di Vincenzo Mignano – All’interno di questo scenario, il livello di indebitamento pubblico in alcuni Stati dell’Unione europea – piuttosto elevato già prima che l’onda della crisi esplosa negli Stati Uniti investisse l’Europa – ha notevolmente contribuito alla crescita di quelle divergenze economiche che, ancora oggi, costituiscono un ostacolo alla creazione di un mercato comune efficiente, nel più ampio quadro del processo di integrazione europea. Continua a leggere “Economia e potere: il caso greco”

Grecia, xenofobia e cambiamento

Un violento attacco razzista, nella notte tra il 17 e il 18 novembre, ha squarciato la quotidianità dei migranti accolti nel campo di rifugiati situato nell’isola greca di Chios nell’area del campo di Souda. Molotov, petardi e pietre sono state le armi che hanno polverizzato cinquanta tende adibite da UNHCR per chi non ha più una casa. Continua a leggere “Grecia, xenofobia e cambiamento”