Un anno di Macron in politica estera

Di Mario Montalbano – Esser protagonista a ogni tavolo, in Europa e nel mondo, per rilanciare il ruolo internazionale della Francia. È stato questo l’obiettivo in politica estera di Emmanuel Macron al primo anno da presidente della Repubblica francese. Da “salvatore” dell’Unione con il successo al ballottaggio di poco più di un anno fa, il 7 maggio 2017, nei confronti di Marine Le Pen, il giovane leader di En Marche! ha cercato senza troppi fronzoli di dettare la propria linea politica a livello comunitario, cercando al contempo di lasciare il segno “francese” su tutti i grandi temi della politica internazionale, dalla lotta al terrorismo alla questione Siria, passando per l’accordo nucleare con l’Iran e i rapporti con Donald Trump. Continua a leggere “Un anno di Macron in politica estera”

Annunci

L’appannato Macron

Di Francesco Paolo Marco Leti – L’inizio della Presidenza Macron era stato salutato con ottimismo, sia all’interno della Francia che all’estero. Sembrava che il muro repubblicano avesse retto contro l’avanzata dei “barbari populisti” del Front National, e che la futura presidenza si caratterizzasse per un equilibrio delle riforme su posizioni centriste, avvalorata anche dalla presenza nel governo di figure provenienti sia dall’area socialista, sia da quella gollista. La popolarità presidenziale era al massimo – un fenomeno comune a tutte le elezioni e dovuto alla tendenza dell’elettorato di salire sul carro dei vincitori ex post – e sembrava che l’azione riformatrice sarebbe stata spedita. Continua a leggere “L’appannato Macron”

Trump fa tutto da solo: colpisce Teheran, l’Europa, tutti

Di Daniele Monteleone – La scorsa settimana il mondo è stato scosso da una nuova misura del presidente americano Donald Trump, tutt’altro che inaspettata. Trump ha annunciato il ritiro dall’accordo sul nucleare iraniano firmato durante l’amministrazione Obama, dando credito alle accuse israeliane di violazioni degli accordi da parte di Teheran e assecondando la richiesta dello stesso primo ministro israeliano di riattivare le vecchie sanzioni. Continua a leggere “Trump fa tutto da solo: colpisce Teheran, l’Europa, tutti”

Primo Levi continua a parlarci: il pericolo del neonazismo in Europa

Di Davide Renda – «Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre». Continua a leggere “Primo Levi continua a parlarci: il pericolo del neonazismo in Europa”

L’Africa ha bisogno dell’Europa, l’Europa ha bisogno dell’Africa

Di Riccardo Licciardi – Dal punto di vista dell’Europa negli ultimi anni il continente africano è stato spesso visto unicamente come fonte di problemi. Le primavere arabe, la guerra civile in Libia, gli attentati terroristici (molti dei quali compiuti da soggetti di origine nordafricana), il fenomeno dell’immigrazione incontrollata e le conseguenti tragedie nel Mediterraneo sono stati tutti temi di difficile soluzione per i vari leader europei. Continua a leggere “L’Africa ha bisogno dell’Europa, l’Europa ha bisogno dell’Africa”