Quando (finalmente) le donne hanno potuto scegliere: la legge 194/78 compie 40 anni

Di Silvia Scalisi – Troppo spesso compiamo l’errore di pensare che qualcosa che per noi oggi è “normale”, “banale”, “scontato”, lo sia sempre stato. Troppo spesso dimentichiamo che dietro ogni diritto, ogni libertà che ci è oggi riconosciuta, ci sono battaglie, spesso lunghe, aspre; ci sono donne, uomini, che hanno sposato una causa e non si sono arresi davanti alle (ripetute) difficoltà. Continua a leggere “Quando (finalmente) le donne hanno potuto scegliere: la legge 194/78 compie 40 anni”

Annunci

Sotto il segno dell’Aquarius

Di Gaia Garofalo – “Rifiutata dall’Italia e da Malta, una nave umanitaria con a bordo 600 migranti cerca un porto” intitola Le Monde. «Durante la giornata di domenica Salvini, il leader della formazione di estrema destra – uno dei due partiti che costituiscono il nuovo governo italiano – ha minacciato di chiudere i porti italiani alle navi che raccolgono i naufraghi, se Malta non accetta di ricevere l’Aquarius», spiega ancora il principale giornale francese. Continua a leggere “Sotto il segno dell’Aquarius”

Da “scroccone a scroccone”: la Germania che non ti aspetti

Di Francesco Paolo Marco Leti – La Germania è senza dubbio l’economia principale europea e contemporaneamente il primo paese manifatturiero d’Europa. Questa forza economica è figlia di una lunga tradizione e di una politica economica oculata, nella quale obiettivi e strumenti sono ben tarati e perfettamente studiati. Continua a leggere “Da “scroccone a scroccone”: la Germania che non ti aspetti”

Todo cambia, tal vez: il nuovo esecutivo di Pedro Sanchez

Di Francesco Puleo – Mentre in Italia il nuovo governo giallo-verde si è ormai stabilmente insediato, in Spagna, nel giro degli ultimi dieci giorni, un vero e proprio terremoto politico ha sconquassato i vecchi equilibri parlamentari. In seguito ad una serie di scandali legati a fatti gravissimi di corruzione ed evasione fiscale, l’esperienza di governo Mariano Rajoy e del suo Partito Popolare (PP) si è definitivamente conclusa. Continua a leggere “Todo cambia, tal vez: il nuovo esecutivo di Pedro Sanchez”

Palermo si Manifesta

Di Soraja Fiotti – “Il giardino Planetario. Coltivare l’esistenza” è il titolo della dodicesima edizione della biennale itinerante Manifesta, che quest’anno si terrà a Palermo dal 16 Giugno al 4 Novembre. Si tratta della seconda edizione italiana, dopo quella del Trentino del 2008 alla quale parteciparono 230 personalità fra artisti, architetti, scrittori e addetti ai lavori da tutto il mondo, totalizzando più di 100mila visitatori in poco più di cento giorni di apertura. Continua a leggere “Palermo si Manifesta”

Elezioni in Turchia: la partita a scacchi di Erdogan

Di Adriana Brusca – Trascorsi quasi due anni dal tentato golpe del luglio 2016, il retaggio di questo evento cruciale della storia democratica turca continua a ripercuotersi tanto sul piano giuridico, quanto su quello politico: con riguardo al primo aspetto, permane lo stato di emergenza – proclamato ai sensi dell’art. 15 della CEDU – , sulla base del quale è consentito restringere diritti e libertà fondamentali, in presenza di un pericolo che minacci l’integrità della Nazione; sul piano politico, la Turchia continua ad affrontare una fase di forte instabilità, legata principalmente alla transizione tra due modelli ordinamentali a tratti antagonisti: tale mutamento, che si riconnette causalmente all’approvazione della riforma costituzionale, avvenuta tramite consultazione referendaria lo scorso 16 aprile, è accompagnato da una parallela polarizzazione di consensi in capo al Presidente Erdogan, cui specularmente corrisponde una restrizione degli spazi e degli strumenti riservati all’opposizione  politica. Continua a leggere “Elezioni in Turchia: la partita a scacchi di Erdogan”