Europa 2017, Da Van der Bellen a Kurz. La virata a destra dell’Austria

Gli exit poll della serata di ieri confermano le previsioni della vigilia: il partito popolare, l’ÖVP, di Sebastian Kurz sembrerebbe aver vinto le elezioni austriache con oltre il 31% dei consensi. Condizionale d’obbligo in attesa dei dati ufficiali di giovedì con l’arrivo dei voti per corrispondenza, ma la vittoria dei popolari non appare in discussione. Diverso è il discorso tra chi si contende la seconda piazza, ossia i socialdemocratici, l’Spö, del cancelliere uscente Christian Kern e i liberalnazionalisti, l’Fpöe, di Heinz Christian Strache, la cui distanza, risicata in favore dei primi, 27% contro il 26%, potrebbe facilmente essere ribaltata o magari venir confermata. Continua a leggere “Europa 2017, Da Van der Bellen a Kurz. La virata a destra dell’Austria”

#ServizioCivile, quello vero: un’esperienza che ogni giovane dovrebbe vivere

Il mio diario del Servizio Civile è il documento che rispecchia più fedelmente tutto quello che ho vissuto e pensato nell’arco dei 365 giorni vissuti dentro questa grande esperienza nella quale mi sono addentrato con grande volontà e voglia di fare. Il titolo è naturalmente un hashtag, per il carattere virtuale e “social” che ha avuto questo racconto frammentario di momenti di vita nel mio lavoro per la Onlus ‘Al Azis’. Nel cuore del quartiere Zisa di Palermo, ho provato a entrare, oltre che col corpo, con la mente all’interno di una comunità – una famiglia oserei dire – che fonda il proprio rapporto con il prossimo sulla fiducia, sulla “scommessa senza quotazione” che si può migliorare una periferia disagiata con il duro lavoro. Continua a leggere “#ServizioCivile, quello vero: un’esperienza che ogni giovane dovrebbe vivere”

Il Kurdistan iracheno, tra spinte indipendentiste ed equilibri internazionali

I curdi sono un gruppo etnico di matrice indoeuropea. La popolazione curda, che si aggira intorno ai trenta milioni di persone, costituisce uno dei più numerosi gruppi etnici privi di unità nazionale, nonché la quarta etnia più vasta della zona del Medio Oriente. Continua a leggere “Il Kurdistan iracheno, tra spinte indipendentiste ed equilibri internazionali”

Eco di un passato ancora presente: il ritorno di Claudio Fava

Sulle elezioni regionali in Sicilia, che si terranno il prossimo 5 Novembre, gira una buona parte dell’attenzione della politica in questo periodo: sono considerate un vero banco di prova, infatti, anche in funzione delle future elezioni legislative. Tutte le incertezze iniziali dovute a candidature e alleanze sembrano essere svanite, e i nuovi fronti che si sono venuti a creare potrebbero essere, a tutti gli effetti, una conferma successiva degli schieramenti a livello nazionale, incluse le separazioni. Esempio lampante è la scissione venutasi a creare nella sinistra, che vede l’ala più esterna distaccarsi dalla candidatura di Micari, appoggiata invece dal PD e dal governatore uscente Crocetta. Continua a leggere “Eco di un passato ancora presente: il ritorno di Claudio Fava”

Rivoluzionari, è finita: la Catalogna contro Madrid e contro se stessa

Non si è ancora concluso lo scontro tra Madrid e la Catalogna. Pochi giorni fa la Corte costituzionale ha sospeso la sessione plenaria prevista per oggi dal parlamento con l’intenzione di dichiarare l’indipendenza. Continua a leggere “Rivoluzionari, è finita: la Catalogna contro Madrid e contro se stessa”

La Catalogna e le sfide dell’Europa

Il primo di ottobre 2017 diverrà una data da ricordare per l’intera Spagna: il giorno in cui la Catalogna ha sfidato la monarchia spagnola e attraverso un referendum ha scelto di abbracciare la via dell’indipendenza da Madrid. Una scelta che sicuramente risulta storica per tutte le istituzioni occidentali, dal momento che non si vedevano dichiarazioni simili dalle dissoluzioni degli imperi coloniali postbellici. Ma cosa è la Catalogna oggi e soprattutto, che risvolto ha questo referendum per l’Europa? Continua a leggere “La Catalogna e le sfide dell’Europa”

Sarà ancora la Germania della Merkel, ma non troppo questa volta

Alla vigilia del voto, le elezioni politiche in Germania sembravano non dover presentare delle sostanziali sorprese. E quantomeno sul vincitore, le previsioni dei sondaggi hanno trovato conferma nei risultati delle urne. Angela Merkel sarà per la quarta volta cancelliera della Repubblica federale tedesca. Continua a leggere “Sarà ancora la Germania della Merkel, ma non troppo questa volta”