Storie di speranza in Pakistan: Zarish e i suoi bambini del Jeremiah Education Centre

Di Simonetta Viola – I can change the future, questo il messaggio che troveremo sul muro del Jeremiah Education Centre in Pakistan. Se proviamo ad entrare, poi, ci troveremo davanti una ragazza di origini pakistane di 30 anni dagli occhi grandi di nome Zarish Neno. Continua a leggere “Storie di speranza in Pakistan: Zarish e i suoi bambini del Jeremiah Education Centre”

Annunci

Rita Borsellino: una vita per la legalità

Di Sabrina Landolina Rita Borsellino scomparsa lo scorso 15 agosto, dopo una lunga malattia all’età di 73 anni, farmacista e attivista per la legalità e per i diritti civili dagli anni novanta. Dal 2009 al 2014 fu europarlamentare con il partito democratico. Nel 2005 si candidò alla presidenza della Regione Sicilia, da questa esperienza fu tratto anche il docufilm Un’altra storia. Continua a leggere “Rita Borsellino: una vita per la legalità”

Meral Aksener: quando la leadership resiste alle diseguaglianze

Di Adriana Brusca – Alla base dell’apertura ufficiale dei negoziati di adesione della Turchia all’Unione Europea, vi era un’attenta valutazione, condotta soprattutto dalla Commissione, circa il rispetto di alcuni parametri progressivamente delineatisi nella prassi comunitaria; tra questi, indubbia rilevanza è stata conferita alla tutela dei diritti umani, nell’ambito della quale, tra i diversi elementi presi in esame, è stata posta in rilievo la condizione delle donne. Continua a leggere “Meral Aksener: quando la leadership resiste alle diseguaglianze”

Evrim, Beritan e il coraggio delle donne turche

Di Alessandra Fazio – È la Turchia a fare da sfondo all’ennesima violazione dei diritti umani, delle donne soprattutto. Sì, perché quando si tenta, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, di frenare qualunque tentativo di informazione e qualunque attività di stampa diretta a raccontare le storture di uno Stato, si commette un reato, ma ancor prima una violazione di diritti, che in quanto tale non dovrebbe sussistere. Non ai nostri giorni, almeno. Non col grado di civilizzazione che l’essere umano ha raggiunto col trascorrere del tempo. Continua a leggere “Evrim, Beritan e il coraggio delle donne turche”

Donne e cartelloni, gioie e dolori

Di Gaia Garofalo – È apparso tra le vie dei manifesti pubblicitari italiani un nuovo spot, ma sempre dello stesso vecchio stampo rancido: l’azienda DVP ITALIA ha tappezzato la città di Palermo con una donna seminuda in lingerie nera; si potrebbe dire «Nulla di strano», dato che il marchio in questione fabbrica, per l’appunto, biancheria intima. Peccato per la frase stampata a lato: «Puoi ottenere ciò che vuoi se sei vestita per farlo», come ad indicare la figura femminile non solo ipersessualizzata, ma buona ad arrivare ai suoi obiettivi solamente se svestita e provocante. Continua a leggere “Donne e cartelloni, gioie e dolori”