Tempo di lettura: 2 minuti

Dottorandi di Manchester ridotti alla fame: l’appello di uno studente “a zero ore”

Condividi

 

Per “Lettera Q“, le testimonianze da un mondo in quarantena per l’emergenza coronavirus, pubblicate da Eco Internazionale ogni domenica.


La direzione dell’università – li chiamo così come se fossero più i vertici di una grande azienda piuttosto che i responsabili di un’istituzione scolastica – sembra essere interessata a proteggere la sua immagine in questi tempi difficili. Sono uno studente dottorando all’Università di Manchester (UoM), adoro questa città e la mia università. Il mio amore per la UoM, tuttavia, è puramente sentimentale e guidato dalle persone che sono il cuore e l’anima di questa università. coloro che la rendono davvero un ottimo posto per studiare e lavorare. Sono anche un dipendente dell’UoM oltre che uno studente che paga tasse “estorsive”. Penso che, da diversi anni, l’università abbia perso il suo scopo principale: invece di dare la priorità agli standard di insegnamento, preferisce accumulare ricchezza ed edifici lucenti. Io, come altri studenti, ho sperimentato la cancellazione dei tutorial perché il management ha scelto di investire denaro in “esterni splendenti” che sembrano utili in prospettiva e che sembrano portare più soldi da potenziali utenti.

Ho un’opinione molto dirompente sul mancato funzionamento di questa università ma anche un obiettivo chiaro in mente. Considero l’università molto interessata alle sue pubbliche relazioni, proprio come farebbe qualsiasi multimilionario che si rispetti. Il problema è che l’università non dovrebbe mirare ad essere un’azienda qualunque. Ironia della sorte, tutto ciò che è sbagliato nell’approccio di tutte le università potrebbe esserci molto utile in questa difficile situazione che il mondo sta affrontando.

Mentre Boris Johnson stava arrancando con chiusure ufficiali di scuole e luoghi di lavoro, anche l’università si è bloccata. La mia sensazione, come studente, è che il loro approccio iniziale di “stiamo conducendo gli affari come al solito” sia stato vergognoso, soprattutto perché l’università non dovrebbe essere come qualsiasi altra attività. Questa è l’istituzione i cui valori dovrebbero essere i più alti, i più puri e con gli intenti più onorevoli. Questa potrebbe essere la mia visione utopica di ciò che l’educazione dovrebbe essere. Sembra, tuttavia, che le proteste degli studenti, dei genitori e dei membri del personale che si preoccupano per i malati in gran numero, e che vogliono evitare l’esposizione di un numero elevato di persone, alla fine abbiano convinto il Presidente, il Cancelliere e i Vice Cancellieri a chiudere almeno alcuni dipartimenti.

Comprensibilmente, alcune strutture dell’università devono continuare a lavorare poiché ci sono ancora ragazzi negli alloggi per studenti e alcuni membri del personale devono essere disponibili e reperibili. Il resto, quando possibile, lavora da casa. Certamente saranno soddisfatte le esigenze più essenziali degli studenti, quindi saranno seguite questioni come la mancanza di acqua calda, problemi di elettricità, ecc. Agli studenti che vivono in case private sono stati forniti i numeri di telefono e le e-mail dei membri del personale universitario che possono fornire consulenza su questioni amministrative e questioni legali, anche cose semplici come “devo restituire i miei libri alla biblioteca?”. Allo stesso modo, anche le decisioni relative alle preoccupazioni di alcuni dottorandi hanno ricevuto una risposta immediata. Gli esami possono avvenire tramite Skype e i risultati sono validi come quelli fatti di persona. L’università riesce a ottenere alcune giuste conquiste.

L’università ha anche fornito alcune assicurazioni per i suoi membri del personale, accettando di pagare tutti anche se il loro lavoro non può essere svolto in remoto. È una cosa ottima, ma vale solo per le persone con un contratto normale. Tuttavia, i dipendenti con contratti a “zero ore”, come molti studenti dottorandi che lavorano all’università, saranno maggiormente colpiti dalla chiusura attuata. Stiamo ancora aspettando che l’università onori il nostro normale orario di lavoro e ci paghi il minimo indispensabile che per molti di noi fa letteralmente la differenza tra mangiare e non mangiare questo mese. Si spera che, magari spinti dalla paura di potenziali cattive pubbliche relazioni, coloro che vengono pagati un sacco di soldi e hanno una sicurezza finanziaria, considereranno quanto sia difficile per alcuni di noi perdere l’unico reddito che abbiamo. A volte ci troviamo a perdere 60 sterline a settimana, che potrebbero non sembrare molto. Per alcuni di noi, però, è quello con cui sopravviviamo per una settimana.

Incrociamo le dita che l’università, o meglio questa multimiliardaria impresa, agirà in modo onorevole e tratterà tutti i membri del personale come pari. Qualunque sia la ragione alla base delle azioni della UoM, sembra che faranno del loro meglio per prendersi cura degli studenti e possibilmente anche dei membri del personale con contratti a zero ore.


 

Condividi

Eco Internazionale

Informazione su scala globale per sapere dove va il mondo

error: Content is protected !!