Buon compleanno, Playstation!

Natale si avvicina! Sostieni il 2020 di Eco Internazionale! Dai il tuo contributo all’informazione indipendente! Puoi donare quanto vuoi, la donazione è (e sarà) sempre libera. Usa il tasto PayPal Donazione in basso e diventa nostro sostenitore! OBIETTIVO: 500 euro


Di Marco Cerniglia – Il Natale del 1994, in Giappone, sarebbe stato solo il primo. Il 3 Dicembre di quell’anno, un nuovo “giocattolo” entrava in commercio: quella che oggi tutti noi conosciamo come Playstation, che ancora oggi, dopo un quarto di secolo, continua a intrattenere molti videogiocatori.

La storia di Playstation, forse, non è nota a tutti: il primo modello nasce da un progetto combinato, con la doppia firma di Nintendo e Sony. Nel 1991, venne annunciato al pubblico un modello di Super Nintendo che, oltre alle ingombranti “cartucce” usate fino a quel punto, avrebbe puntato al supporto CD-Rom, secondo un’idea di Ken Kutaragi, ingegnere hardware della Sony. Il lavoro avrebbe dovuto permettere a Nintendo di esplorare un mondo multimediale diverso dai precedenti, aprendo inoltre a Sony un’opportunità di profitto nell’industria videoludica, fino ad allora controllata da colossi quali SEGA e la stessa Nintendo. Tuttavia, il giorno dopo l’annuncio, Nintendo dichiarò la rottura della partnership con Sony.

26398118438_c58e2c408e_k.jpg
Il primo prototipo di Playstation

Questo lasciò un vuoto nel progetto, ma non a lungo. Il presidente della Sony Norio Ohga chiese a Kutaragi di continuare a lavorare sull’idea: Ken radunò un manipolo di ingegneri che stavano lavorando ad un progetto per un motore grafico in 3D, chiamato System-g, il cui scopo originario era di migliorare i broadcast con immagini in 3D in tempo reale. L’idea di Ken Kutaragi era di riprendere questo sistema, non troppo lontano a livello tecnologico dalle console di allora, ma con specifiche tecniche ben più elevate, e portarlo nelle case di tutti.

Un’idea molto ambiziosa, che stava affrontando ostacoli esterni, sotto forma di una contrattazione aperta con Nintendo per riprendere il progetto originale, e ostacoli interni, dovuti alla resistenza di molti sull’entrata in questo mercato di “giocattoli”, la visione che molti, all’interno di Sony, avevano delle console videoludiche come Nintendo e SEGA. Kutaragi venne spostato dalla branca principale della compagnia a Sony Music, e questo permise una maggiore libertà di lavoro. Inoltre, si proponeva un modello di produzione diverso dal sistema Nintendo, che riceveva i software dai produttori dei giochi e li distribuiva personalmente, con numeri abbastanza limitati. Col supporto CD-Rom, la distribuzione sarebbe cambiata drasticamente e i numeri di produzione sarebbero stati ben più elevati, permettendo quindi una diffusione ben diversa dei vari giochi.

Tutto questo contribuì al primo lancio, il 3 Dicembre del 1994, di quella che diventerà poi la prima Playstation che tutti conosciamo; in America e in Europa arriverà rispettivamente il 9 e il 29 Settembre del 1995. Da allora, il mercato ha subito tantissime variazioni: il crollo di SEGA e la sua sparizione dal mercato hardware, l’arrivo della successiva rivale Microsoft col sistema Xbox, l’affermazione del gaming da PC e le numerose novità videoludiche della conclamata avversaria Nintendo, come la Wii e il suo peculiare sistema di gioco.

Tutte le generazioni di Playstation

E nonostante tutti questi cambiamenti, di recente a Playstation sarebbe stato assegnato il Guinness World Record di marchio console col maggior numero di vendite dalla sua nascita, totalizzando un totale di 450 milioni di unità vendute nell’arco di tutte le sue iterazioni, dal primo modello del 1994 fino ad oggi. E, con un nuovo modello in arrivo a breve, sembra che questa corsa sia destinata a continuare.


Annunci

Commenta

Annunci