Tempo di lettura: 1 minuti

Un nuovo viaggio nella Terra di Mezzo

Di Daniele Compagno – Il fenomeno LOTR (Lord of The Rings) nasce nel lontano 2001 con l’uscita in Italia de Il Signore degli Anelli – La Compagnia dell’Anello, primo film della trilogia di Peter Jackson (ndr la saga si completa con Il Signore degli Anelli – Le due torri, e Il Signore degli Anelli – Il ritorno del re), ed è proseguito con un’altra trilogia-prequel, Lo Hobbit, diretta sempre dello stesso regista e ispirata all’omonimo romanzo di Tolkien, conclusa a dicembre 2014.

Considerato uno dei progetti più grandi e ambiziosi mai intrapresi nella storia del cinema, il lavoro di Jackson ha richiesto un budget complessivo di 281 milioni di dollari e otto anni di lavoro per essere realizzato per intero; le riprese di tutti e tre i film sono state girate simultaneamente e interamente in Nuova Zelanda, paese natale del regista.

Ambientati nel mondo immaginario della Terra di Mezzo, i tre film seguono l’avventura della Compagnia dell’anello impegnata nella difficile distruzione dell’Unico Anello che garantirà l’annientamento del suo creatore, l’Oscuro Signore Sauron.

La compagnia è composta in modo eterogeneo da uomini, elfi, nani e hobbit. Saranno alla fine due piccoli hobbit, Frodo Baggins e Sam Vise Gangee, a recarsi a Mordor, al Monte Fato – dentro cui dovrà essere distrutto l’Anello; mentre nel frattempo Aragorn, l’erede in esilio al trono di Gondor, Gandalf, Legolas e Gimli dovranno unire e mobilitare i popoli Liberi della Terra di mezzo nella guerra contro gli eserciti di Sauron.

Foto da Bestserial

La prima stagione della serie tv Il signore degli Anelli è ancora in fase di produzione e Amazon annuncia con largo anticipo il rinnovo per la stagione 2. La piattaforma streaming sembra così fiduciosa nel successo della serie, da rinnovarla ben prima di conoscere l’accoglienza da parte del pubblico.

La scelta di mettere in produzione con largo anticipo la seconda stagione rappresenterà una buona notizia per i fan, perché difatti si accorcia il tempo di attesa tra la prima e la seconda stagione.

Dopo le riprese dei primi due episodi della prima stagione – le riprese della serie prenderanno il via a Auckland, capitale della Nuova Zelanda – sotto la direzione di Juan Antonio Bayona, The Lord of the Rings andrà in pausa per 4-5 mesi. Il team di sceneggiatori, guidato dagli showrunner e produttori esecutivi J.D. Payne e Patrick McKay, userà questa pausa per preparare gli script della seconda stagione e non a Wellington, sede della WETA di Peter Jackson.

The Lord of the Rings sarà ambientata nella Terra di Mezzo durante la Seconda Era ed esplorerà nuove trame precedenti alle vicende de La Compagnia dell’Anello, passando dalla fondazione di Númenor – il regno antenato di Gondor e Arnor – arrivando alla forgiatura degli Anelli del potere, all’ascesa al trono del malvagio Signore Sauron ed infine alla Battaglia dell’Ultima Alleanza.

Foto da MondoFox

Nel cast si annoverano Joseph Mawle (conosciuto per il ruolo di Benjen Stark ne Il Trono di Spade), che interpreterà il cattivo Oren, Will Poulter (Black Mirror: Bandersnatch) che sarà un giovane eroe di nome Beldar, Markella Kavenagh (Picnic at Hanging Rock), che interpreterà Tyra. Ulteriori dettagli sul cast e sui loro personaggi sono tenuti ancora sotto chiave.

Payne e McKay invece, al lavoro anche sul prossimo film di Star Trek, curano le sceneggiature, con la consulenza del veterano de Il Trono di Spade Bryan Cogman. Il già citato regista Juan Antonio Bayona dirigerà i primi due episodi della prima stagione, che sarà composta in tutto da 20 episodi.

I nostalgici della trilogia tolkeniana avranno sicuramente nuove storie a cui appassionarsi, noi non vediamo l’ora!


Foto copertina da Movieplayer

Daniele Compagno

Daniele Compagno

Web e Social Media Manager. Scrivo di Sport e Cultura e offro il mio apporto con impegno e costanza per la crescita e lo sviluppo di Eco Internazionale.

error: Content is protected !!