La «rivoluzione» di Chicago: Lori Lightfoot rompe gli schemi

Di Annarita Caramico – La Lightfoot, classe ’62, non era mai entrata apertamente in politica prima di quest’anno, anche se aveva già ricoperto degli incarichi di prestigio all’interno dello stato del Michigan

Chicago_Police_Accountability_Task_Force_Press_Event_for_the_Release_of_its_Report_(26889469694)_(cropped2)
Lori Lightfoot

Dopo essersi laureata in Scienze Politiche, infatti, ha lavorato per alcuni membri del Congresso americano. Ha poi deciso di iscriversi a legge: mentre le malelingue hanno ipotizzato lo facesse per aiutare il fratello nei guai con la giustizia, Lori Lightfoot ha sempre affermato di aver scelto giurisprudenza per essere indipendente da un punto di vista economico. Poco prima di laurearsi in legge presso l’Università di Chicago ha lavorato anche per un giudice della Corte Suprema.

In un periodo abbastanza delicato per la città di Chicago ha anche ricoperto il ruolo di presidente del Consiglio della polizia: è durante il suo mandato che venne accusato un poliziotto bianco per l’omicidio di un giovane afroamericano .

Lori Lightfoot vuole regalare una nuova speranza alla città: questa l’intenzione manifestata dopo esser venuta a conoscenza della sua elezione a sindaco di Chicago.

Chicago_Lakefront_2

La città sta attraversando un periodo di forte crisi. Dal punto di vista economico c’è un buco finanziario di oltre 28 milioni di dollari destinati in realtà alle pensioni dei cittadini mentre è elevato il tasso di criminalità visto che il numero di omicidi è più alto rispetto alle città di New York e Los Angeles. Un impegno difficile, quindi, quello che aspetta la Lightfoot.

GettyImages-1140033191-619x368
Fonte: Business Insider Italia

Dichiaratamente omosessuale ora che è stata eletta a sindaco di Chicago sarà la moglie Amy Eshleman a badare alla piccola Vivian, figlia adottiva della coppia. «Abbiamo dimostrato che nella nostra città non conta il colore della pelle. E non conta neanche chi ami, a condizione che lo ami con tutto il cuore»: queste le parole della Lightfoot a seguito della sua elezione a sindaco.

Chicago è stata anche la città da cui è partito Obama, primo presidente afroamericano degli Stati Uniti, che ha fatto del suo Yes we can il motto dell’ultimo decennio, dando speranza a milioni di persone in tutto il mondo. Ora tocca alla Lightfoot operare una sorta di rivoluzione ed essere il volto di un Paese che vuole rompere con la tradizione politica precedente.

C’è da chiedersi, però, se siano ormai le caratteristiche della vita privata e della propria identità di genere e razziale a dettare il successo o meno di una candidatura politica. È davvero primario questo aspetto? Sicuramente quella della Lightfoot è una elezione fuori dal comune e crea un precedente, ma è giusto ricordarla e vederla come un cambiamento epocale esclusivamente alla luce del suo dichiarato orientamento omosessuale? Ai posteri l’ardua sentenza.


 

Annunci

Eco Internazionale

Attualità Internazionale | Società | Cultura | Personaggi

Commenta

Annunci
Annunci