Calcio e social, la nuova combinazione vincente

Di Daniele Compagno – Nel secolo scorso i luoghi dove discutere e parlare di calcio erano i bar, le piazze, gli stadi. Oggi, nell’era dei social network, tutto sta cambiando, in particolar modo le abitudini degli appassionati e dei tifosi. Questi ultimi chattano, twittano, postano interagendo direttamente con i propri idoli e con le squadre che amano oppure odiano.

Trattasi di mezzi immediati, nelle mani di tutti: rispetto a un decennio fa è possibile interagire con calciatori, sapere cosa fanno nel tempo libero, vedere gli allenamenti ed entrare anche nel privato, una cosa impensabile ad inizio degli anni 2000! 

I social network hanno contribuito a rendere calciatori e sportivi più vicini a quel mondo reale che prima sembrava tanto lontano quanto irraggiungibile. In realtà già alcune squadre vantano un livello alto di gestione della comunicazione attraverso i social network, soprattutto se teniamo conto dei club di prima fascia. La piattaforma principale è sempre stata Facebook, ma quella di frontiera in questo momento è Instagram, non solo per quel che riguarda i club, ma anche i calciatori stessi. Sull’ultimo social ad esempio, è possibile seguire anche immagini relative ai giocatori e alle performance sportive, tramite la modalità delle Instagram Stories, utilizzate per raccontare gli eventi in cui partecipano i calciatori (live) o per riportare alla luce fatti storici, attraverso foto o video. 

Ma c’è di più, perché i nuovi media hanno facilitato la vita anche alle squadre. I grandi club europei hanno provveduto ad assumere dei social media manager specializzati per determinati mercati, tipo quello asiatico, per far crescere i brand non solo tramite le amichevoli o i tour estivi, ma direttamente sui social. 

Un altro aspetto interessante riguarda i dati relativi alle interazioni ed ai fan totali delle squadre più importanti a livello europeo, che vanno di pari passo con le performance sul campo della squadra stessa.

LG2CA mia
Credits: Result Sports

Non vi erano dubbi su quale fosse la squadra più seguita del mondo: il Real Madrid guida infatti questa speciale classifica con 242 milioni di follower totali (109 milioni Facebook, 67 Instagram, 50 Twitter, 4 YouTube, 12 altro) precedendo Barcellona e Manchester United che seguono, rispettivamente, a 240 e 137 milioni. Ai piedi del podio Chelsea (90 milioni) e Bayern Monaco (79) chiudono la top five. Un importante balzo in avanti lo ha avuto la Juventus grazie all’effetto Cristiano Ronaldo: i bianconeri superano Paris Saint-Germain (66) e Liverpool (67) e si piazzano all’ottavo posto con 69 milioni di followers.

È chiaro che un ruolo importante in questa crescita lo hanno avuto i recenti successi sportivi delle squadre, e nel calcio social non si possono non citare i numeri delle due stelle che hanno illuminato il palcoscenico mondiale negli ultimi anni: Cristiano Ronaldo e Lionel Messi.

Il portoghese, passato in estate alla Juventus (unico team italiano nella top five europea, come abbiamo visto) è ancora lo sportivo più seguito al mondo: 340,90 milioni di fan totali distribuiti tra 122,63 milioni su Facebook, 75,15 milioni su Twitter e 143,12 milioni su Instagram, numeri quasi doppi rispetto all’eterno rivale Messi, che è fermo a 189,02 milioni (89,95 milioni su Facebook e 99,08 milioni su Instagram). In mezzo, la stella del PSG Neymar, con 205,44 milioni di fan.

Proprio il team di Torino ha goduto di un incremento importante, come dicevamo, negli ultimi sei-sette mesi, a seguito dell’ufficializzazione dell’arrivo di Cristiano Ronaldo. E se l’arrivo del fenomeno portoghese ha portato ad un aumento significativo della qualità calcistica della compagine bianconera, lo stesso si può dire a livello social e brand. In ambito italiano è proprio la squadra bianconera a dominare la scena social: i 60,67 milioni di fan sono distribuiti tra 35,90 milioni di like Facebook, 6,35 milioni di follower su Twitter, 16,83 milioni su Instagram e 1,58 milioni di iscritti su YouTube.

Al secondo posto si piazza il Milan: la squadra di Milano, nonostante i risultati altalenanti degli ultimi anni, resta una delle più conosciute a livello globale, come dimostrato anche dai 36,92 milioni di fan, più del doppio rispetto ai cugini dell’Inter, fermi a 14,91 milioni. Quarto posto invece per la Roma, una delle squadre che hanno puntato maggiormente sul social media, assumendo un manager che negli ultimi anni ha divertito molti, con annunci e meme che hanno fatto il giro del mondo uscendo oltre i confini capitolini. Complessivamente, la squadra della capitale è ferma a 13,40 milioni di followers, mentre la top five è chiusa dal Napoli di Carlo Ancelotti a 6,74 milioni.

MentionsAnche in questo ambito, l’Italia e le squadre del nostro Paese appaiono distanziate da quelle estere: in particolar modo con l’Inghilterra, dove i social sono un vero e proprio riferimento per i team e i tifosi, complice anche il campionato più televisivo del mondo, o con la Spagna dove si registra il duopolio Real Madrid – Barcellona. Va meglio contro la Bundesliga in Germania dove domina il Bayern e con la Ligue 1, in Francia dove comanda il Psg. Insomma, la crescita e lo sviluppo del calcio italiano passa, dunque, anche attraverso le nuove tecnologie sociali ed all’uso corretto che se ne fa.


Annunci

Eco Internazionale

Attualità Internazionale | Società | Cultura | Personaggi

Commenta

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: