Riace: un modello da proteggere, ora più di prima

Di Valentina Pizzuto Antinoro – Oggi gli abitanti di Riace sono circa 2000, un terzo è rappresentato da immigrati provenienti da circa 20 Paesi. In vent’anni la popolazione è più che raddoppiata, non solo per gli stranieri che entrano a far parte dei progetti di accoglienza (circa 400), ma anche grazie a molti cittadini riacesi che scelgono di tornare nella loro Riace rinata. Continua a leggere “Riace: un modello da proteggere, ora più di prima”

Annunci

Scontro o incontro?

Di Vincenzo Mignano – La Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza (Def)presentata dal Governo Lega-M5s il 15 ottobre scorso – ha suscitato, nelle ultime settimane, le critiche e le perplessità della Commissione europea. Si è assistito, nel caso di specie, ad un forte scontro istituzionale tra Roma e Bruxelles che ha prodotto delle conseguenze in ottica sia economica (spread a 310 punti) che politica (indebolimento internazionale). Diverse, in tal senso, sono state le chiavi di lettura prospettate al fine di percepire le dinamiche e le proporzioni della vicenda, sino ad includere l’ipotesi – funesta – di una possibile dissoluzione dell’euro. Continua a leggere “Scontro o incontro?”

Gli Stati Uniti e la prova del Midterm

Di Antinea Pasta – Cosa sono le elezioni di midterm

Le elezioni di medio termine negli stati Uniti d’America avvengono ogni quattro anni, due anni dopo le elezioni presidenziali e riguardano il Congresso, le assemblee elettive e alcuni dei governatori dei singoli Stati. Quindi non riguardano direttamente il Presidente degli Stati Uniti, ma da sempre rappresentano un test sull’operato di quest’ultimo e sulla sua popolarità, tant’è che nella storia americana è accaduto spesso che il partito del Presidente in carica abbia perduto almeno uno dei due rami del Congresso, il che però non ha compromesso una possibile rielezione per un secondo mandato. Continua a leggere “Gli Stati Uniti e la prova del Midterm”

A mali estremi, estrema destra

Di Francesco Puleo – Alla fine di una delle campagne elettorali più divisive e conflittuali della sua storia, il Brasile ha eletto Jair Bolsonaro presidente della Repubblica. Un personaggio che, in modo eufemistico, è stato definito “populista”. Altri lo hanno ribattezzato il Trump brasiliano. Un uomo su cui, almeno fino a qualche mese fa, nessuno avrebbe scommesso granché e la cui vittoria al primo turno delle elezioni di due settimane fa ha costretto a porsi delle domande sul futuro del Brasile e del mondo intero. Continua a leggere “A mali estremi, estrema destra”

Per l’amor del cielo

Di Gaia Garofalo

“Perché mamma non parla più? Perché Amira si è nascosta? Perché devo fare attenzione a dove metto i piedi? Perché le stelle non le vedo?” Continua a leggere “Per l’amor del cielo”

Cara Sylvia, ti scrivo

Di Silvia Scalisi

Cara Sylvia,

oggi avresti compiuto 86 anni. Sì, lo so che l’età delle donne non si dice, non è rispettoso, ma tu hai sempre odiato le convenzioni sociali, i luoghi comuni, quelle catene che ti bloccavano e ti obbligavano a vivere in un modo che non avresti voluto. Com’è che dicevi? «Mi hanno inculcato troppi scrupoli perché possa infrangere le convenzioni senza effetti disastrosi» Continua a leggere “Cara Sylvia, ti scrivo”