Diario di una recluta, l’inizio

Di Marco Tronci – Sveglia all’alba, anfibi lucidi e di corsa a fare il “cubo”, in attesa dell’alzabandiera che sancisce l’inizio delle attività. Comincia così la mattina per la maggior parte dei soldati italiani nelle diverse caserme del Paese e sarà questa la routine – più o meno straziante – che attende i ragazzi e le ragazze del 3° blocco 2018 dell’Esercito Italiano prossimi alla partenza.

Per capire cosa spinge un giovane ad arruolarsi nelle Forze Armate, abbiamo chiesto a F.P. – ex Caporale – di raccontarci la sua storia in più puntante, ripercorrendo la sua esperienza dall’arruolamento fino al congedo.

«Ho scelto di arruolarmi come volontario nell’Esercito Italiano perché fin da bambino sono stato attratto dal mondo delle Forze Armate e perché desideravo fortemente vivere l’esperienza di vita militare. Tra il 2008 e il 2009 il sistema dei volontari in ferma prefissata era in piena fase di attuazione, e per quanti coltivavano l’aspirazione della carriera militare c’era un passaggio necessario: presentare domanda come VFP1, ovvero volontario in ferma prefissata di un anno.

6-22Nonostante le resistenze familiari e le critiche di amici e conoscenti, ho deciso di iniziare l’iter selettivo per entrare a far parte dell’Esercito – nel 2° blocco 2009 – con prevista incorporazione a fine maggio. Dopo mesi di trafile burocratiche e visite mediche, a metà maggio è arrivata la tanta agognata “lettera di convocazione” per Capua, in provincia di Caserta, sede del R.A.V. (Reggimento Addestramento Volontari), da dove sarebbe iniziato questo interessante capitolo della mia vita.

ruaUn misto di ansia, adrenalina e speranze mi caratterizzarono fino al 26 maggio 2009, giorno di arrivo nei pressi della caserma Oreste Salomone. Sono stato inquadrato all’interno del 17° Reggimento addestrativo “Acqui”, 1ª compagnia, 3° plotone. I ritmi della vita militare sono parecchio intensi e non c’è tanto tempo per capirli in pieno, occorre semplicemente rispettare ogni consegna, obbedire agli ordini di tutti i superiori graduati e adattarsi il più in fretta possibile. Personalmente confidavo molto nel fatto che quella mia scelta rappresentasse il primo mattone di una costruzione solida e duratura. Un anno da volontario mi avrebbe dato accesso ai vari concorsi per gli sviluppi di carriera o all’interno dello stesso Esercito Italiano o comunque nelle altre Forze Armate: le mie aspettative erano quindi legate alla volontà di continuare a lungo quel tipo di vita che stavo per cominciare.

A distanza di dieci anni, ricordare quel periodo così stressante dal punto di vista sia fisico che psicologico provoca delle sensazioni particolari. Nel mio plotone eravamo ben 97, la metà dei quali siciliani. Le prime consegne riguardarono la distribuzione all’interno delle camerate e gli orari essenziali che avrebbero scandito tutte le nostre giornate: sveglia alle 6, alzabandiera alle 8, attività addrestrative fino alle 17 (spesso e volentieri prolungate a oltranza), contrappello alle 22 e 30.

Ecco quindi gli ordini mattutini col famoso “cubo”, barba e capelli rasati, anfibi lucidi e mimetica in ordine. Dai tanti inquadramenti “allineati e coperti” nel corso della giornata alle infinite esercitazioni di marcia e addestramento formale, quel mese sotto il sole cocente di Capua resterà scolpito nelle nostre menti. Ogni singolo giorno che passava, ci avvicinavamo a quello che sarebbe stato l’evento principale dell’intero percorso di addestramento, ovvero il giuramento solenne, previsto per il 26 giugno 2009».


Annunci

3 pensieri riguardo “Diario di una recluta, l’inizio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...