Bye bye Beretta; i soldati Usa scelgono la Sig Sauer

Per oltre 30 anni nelle fondine dei soldati americani c’è stata una Beretta M9. Si avvia al pensionamento l’infallibile pistola italiana attualmente utilizzata da tutte le forze militari e di polizia del nostro paese.

Con il lancio nel 2011 del programma “Modular Handgun System” (MHS), Il Dipartimento della Difesa americano ha deciso di valutare delle alternative all’arma italiana, approdata negli Usa nel 1985 come rimpiazzo alla storica Colt M1911. Oltre la Beretta, partecipano al bando alcune delle più note fabbriche di armi al mondo: Sig Sauer – rappresentanza a stelle e strisce del marchio svizzero-tedesco – FN Herstal, Glock e Smith & Wesson.

Dopo una prima scrematura, rimangono in gara Beretta, Glock e Sig Sauer. Sarà proprio quest’ultima, nel gennaio 2017, ad aggiudicarsi la commessa di oltre 580 milioni di dollari per 10 anni. La fornitura comprende anche munizioni e accessori da montare sull’arma, quali ottiche e silenziatori.

Nonostante la sua affidabilità, la punta di diamante dell’azienda italiana era finita nel mirino della critica americana. C’è chi la ritiene troppo pesante, chi non adatta a tutti i campi di combattimento e c’è chi ne sottolinea la costante manutenzione dovuta ai teatri operativi desertici. Insomma, l’Esercito voleva proprio cambiare arma e ha visto nella Sig Sauer P320 – XM17 negli Usa – la sostituta ideale. Merito anche della sua flessibilità di calibro e di impugnatura che la rendono adattabile a qualsiasi scenario.

E’ la fine di un colosso italiano? Assolutamente no. Sicuramente si tratta di un brutto colpo per l’azienda di Gardone Val Trompia ma bisogna ricordare che i Marines adottano ancora il fucile M4, di proprietà Benelli controllata dalla Beretta. Inoltre, hanno di recente chiuso un accordo con il governo argentino per la fornitura di fucili Arx 200 – sviluppato dalla versione attualmente in uso dalle nostre truppe – e pistole Px4 Storm, progettate per la difesa personale e per le forze di polizia.

Marco Tronci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...