Gibellina vecchia e nuova: un viaggio tra arte e memoria

L’insegnamento machiavelliano – per la verità, riportato dagli scritti di Cicerone – Historia magistra vitae, può ben adattarsi al significato di una Storia utile a vivere il futuro. E’ quello che si percepisce attraverso un percorso di “rigenerazione” ricco di sorprese, ricco non solo di storia ma di storie: quelle delle persone comuni, di uomini e donne che hanno dovuto cedere ad artisti e monumenti l’arduo compito di tramandare la memoria di un evento catastrofico come il terremoto del Belice.

Attraverso istallazioni, sculture, immagini e suoni ritornano in noi i momenti più tragici e strazianti di una comunità ritrovatasi senza la propria culla, ma soprattutto senza la propria identità. La ricostruzione di Gibellina, in particolare, ha ridato un posto dove vivere ai tanti rimasti senza casa ma ha anche alloggiato degli “stranieri” in un luogo nuovo che, però, non gli appartiene. Parliamo di luoghi che trasudano rinnovamento e testimoniano un cambiamento repentino in preda al bisogno di ridare un ambiente vivibile ai terremotati. Tappezzato di interventi artistici di esponenti contemporanei provenienti da tutto il mondo, un arlecchinesco miscuglio di forme e stili rappresenta, nel bene e nel male, la città nuova.

OK GIBELLINA (4)

Il 15 gennaio 1968 la Valle del Belice non sarebbe stata più la stessa da quel giorno in poi: violentissime scosse sconvolgono i paesi che poggiano sulle colline, distruggendo larga parte delle strutture presenti. Si contano centinaia di vittime, migliaia di feriti e decine di migliaia di sfollati su tutto un territorio che si estende tra le province di Trapani, Palermo e Agrigento. Quasi completamente crollati sono i comuni di Salaparuta, Santa Ninfa e Montevago. Un altro tra i comuni maggiormente colpiti è Gibellina, quasi totalmente cancellato dalle diverse scosse – due in particolare, tra le 2 e le 3 di notte – che hanno causato letteralmente lo sbriciolarsi delle abitazioni in tufo. A Gibellina c’era la neve e, nonostante le forti scosse già verificatesi nel giorno intorno all’ora di pranzo, per il freddo in molti avevano preferito rintanarsi dentro, ritenendo il peggio ormai passato. Così non fu.

Oggi, su questo territorio devastato dall’impeto naturale, poggia una gigantesca opera d’arte, la più vasta opera di land art del mondo: “Il grande Cretto” di Alberto Burri, realizzato tra il 1984 e il 1989. Al posto delle palazzine pericolanti o giacenti in pezzi al suolo, al posto delle strade e delle piazze della vecchia Gibellina è stata stabilita questa distesa di cemento labirintica. Non capita a pieno dai gibellinesi, i quali non hanno apprezzato l’opera perché vista come una coperta sulla propria terra di origine, l’opera di Burri rappresenta invece proprio la costruzione di un monumento alla memoria di ciò che è accaduto in quel preciso fazzoletto di terra nel Belice. Un luogo scelto dallo stesso Burri che non intendeva aggiungersi alle numerose maestranze internazionali che arricchivano la ricostruzione del paese a venti chilometri di distanza. L’artista volle ricompattare tutte le macerie di Gibellina e farne un gigantesco simbolo, ripercorrendo le vie e i vicoli della vecchia città, “così che resti perenne ricordo di quest’avvenimento” come disse all’epoca.

OK GIBELLINA (2)

Spostandoci, al Baglio Di Stefano, nel comune di Nuova Gibellina, si trova il Museo delle Trame Mediterranee, antica casa baronale restaurata e utilizzata per l’esposizione di numerose opere d’arte, in un dialogo tra arte contemporanea e oggetti decorativi dei popoli e delle culture dell’area mediterranea. La struttura del Museo è inoltre la sede dell’Istituto di Alta Cultura Fondazione Orestiadi, che per la costituzione di questo prestigioso progetto ha ricevuto il premio ICOM Italia “Museo dell’anno” nel 2011, come miglior esempio di mediazione culturale. Attualmente è in corso una mostra che presenta diverse opere di artisti contemporanei di tutto il mondo, affiancate ad elementi artistici provenienti dal Nord Africa e dai paesi orientali che si affacciano sul Mediterraneo. In questo inedito complesso espositivo troviamo opere di artisti come Boetti, Paladino, Cagli, Turcato, Schifano, Guttuso e molti altri in una collezione che nel tempo ha accresciuto la sua quantità e il suo spessore artistico grazie alle donazioni degli stessi artisti o provenienti da collezioni private e pubbliche.

OK GIBELLINA (3)

Il Museo fu istituito nel 1996 da Ludovico Corrao, sindaco di Gibellina che si prodigò per la ricostruzione della città nuova e per l’arricchimento di questa tramite l’operato di artisti e architetti di grande fama e non solo. Proprio questa coesistenza di idee e progetti totalmente diversi ha dato un carattere ambiguo alla Nuova Gibellina, che per questo motivo risulta estremamente interessante da visitare ma allo stesso tempo enigmatica.

Dalla Chiesa Madre disegnata da Ludovico Quaroni, sormontata da una gigantesca sfera bianca di cemento, all’edificio denominato Meeting, di Pietro Consagra l’atmosfera resta geometricamente fredda; non passano inosservati gli elementi scenografici teatrali appartenenti a Edipo Re, sempre del Consagra, posti sulla piazza antistante al Municipio dove sono presenti ceramiche decorative di Carla Accardi e dove s’innalza la Torre Civica, chiamata anche Orologio, ideata da Alessandro Mendini. La torre alta dodici metri irradiava nell’aria – scandendo l’ora quattro volte al giorno – i suoni della folla cittadina, opportunamente elaborati al computer in un concerto di voci (urla di bambini, lamenti di ogni tipo, ecc), tramite dei grossi megafoni posti al vertice. Questo inquietante spettacolo si è ormai interrotto – riusciamo a immaginare i motivi – da più di una decina di anni.

Gibellina rappresenta una rinascita da un evento terribile come un potentissimo sisma, ma anche un laboratorio artistico all’aperto che nonostante ogni tipo di contributo estetico di alto livello – non sempre – sembra costantemente incompleto. Una grande scuola d’arte che è possibile frequentare camminando semplicemente tra le strade e le piazze. Una vasta galleria di arte contemporanea al quale manca la partecipazione del suo miglior pubblico: i Gibellinesi. L’assenza di manutenzione per le numerose strutture di recente costruzione ha come ridato un’immagine di deterioramento a una comunità che non ha mai dimenticato le rovine della città vecchia.

Questo percorso tra decostruzione e ricostruzione nel “Sicilian Museum” è un viaggio istruttivo e carico di emotività, utile non solo a conoscere i maestri che hanno dato il proprio apporto alla grande opera-città: Gibellina educa alla memoria senza tralasciare la volontà di andare avanti, ricorda i morti costruendo realtà per i vivi, trascina l’ospite in un mondo apparentemente incomprensibile ma di colpo profondamente evidente. Il disastro toglie tutto ma non la creatività, l’unico soffio rigeneratore che contraddistingue l’umano vivere.

Daniele Monteleone

Fotografie di Ester Di Bona

 

Un affettuoso ringraziamento agli studenti e ai docenti dell’Accademia di Belle Arti di Palermo. Uno speciale ringraziamento va anche all’architetto Enzo Fiammetta.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...